Vento, pioggia e allagamenti in Campania, esonda il lago Patria. Allerta arancione fino a domani sera

388

Una notte e una mattina di piogge intense e forte vento hanno messo in ginocchio la Campania con allagamenti e smottamenti. A Lago Patria, nel litorale flegreo, una squadra di operai della Sma Campania, coordinata dalla Protezione civile, sta lavorando per liberare la foce del fiume omonimo dalla sabbia e dai detriti che si sono accumulati a causa delle condizioni del mare e che impediscono il regolare scorrimento dell’acqua causando fenomeni di esondazione; si sta intervenendo, nonostante la pioggia battente e la forte mareggiata, rapidamente per eliminare il canale da qualsiasi ostacolo. Sulla strada statale 372 ‘Telesina’, per allagamento, è provvisoriamente chiuso il tratto al km 25,500 in località Alvignano, in provincia di Caserta, in entrambe le direzioni. Sul posto sono presenti personale Anas e le forze dell’ordine per la gestione della viabilità. A Napoli, dove ieri il sindaco ha firmato un decreto di chiusura dei parchi e dei cimiteri cittadini, in Galleria Umberto camerieri dei bar sono costretti a lavorare con l’ombrello poiché all’interno piove per le cattive condizioni della cupola in vetro. Un video in rete segnala via Labriola allagata e un bus Anm della linea C67 invaso dall’acqua che arriva fino ai seggiolini. Piove anche all’interno della stazioni della linea 1 della metropolitana, nella stazione di Montesanto della Cumana e nella Circumvesuviana dove, in particolare alla fermata di Vittorio Veneto, la pavimentazione è scivolosa. Diversi assi stradali sono come fiumi in piena a partire da via Cesario Console, nel quartiere di Fuorigrotta, così come strade di quello di Scampia e il raccordo autostradale tra Soccavo e Vomero. Nel Salernitano, a Vietri l’acqua ha invaso le strade; nel Casertano, tratti della via Appia sono allagati, così come via Zabatta, a Terzigno, nel Vesuviano, e diverse strade di Pompei. Straripamenti a Castellammare di Stabia del fiume Sarno, con il crollo senza conseguenze per persone di un ponticello pedonale sul fiume Sarno. La Protezione civile regionale della Campania ha prorogato l’allerta meteo Arancione fino alle 23.59 di domani. Le situazioni più difficili segnalate dalla Sal operativa sono registrate a Giugliano, per ostruzione della foce di Lago Patria; tra i comuni di Cervinara e Rotondi in Irpinia per l’esondazione del fiume Isclero-Carmignano nella zona dell’asse attrezzato dell’area Asi; a Roccamonfina per frane superficiali in località Sessa, Marzano, Conca, Teano, Campagnola.