Ragazze nigeriane vittime di stupri di gruppo

12

Prato, 17 apr. (Adnkronos) – Ragazze nigeriane, alcune minorenni, costrette a prostituirsi, vittime di violenze anche sessuali e di gruppo: è quanto è emerso da un’indagine condotta dai carabinieri di Prato e coordinata dal pm della Dda di Firenze Angela Pietroiusti. Tre persone, tutte di nazionalità nigeriana, sono state fermate: due sorelle di 34 e 40 anni, e il marito della maggiore delle donne, 49 anni.

I reati contestati sono, a vario titolo, tratta di esseri umani, sfruttamento della prostituzione e violenza sessuale. Le indagini sono state avviate tre mesi fa, dopo che una delle giovani vittime sarebbe riuscita a fuggire. 

Da quanto emerso, le ragazze venivano mandate a Prato dalle loro famiglie: costo del viaggio dalla Nigeria 30mila euro che le giovani avrebbero poi dovuto ripagare prostituendosi. Dall’inchiesta è emerso che molte delle famiglie, anche condizionate per pratiche legate al voodoo, fossero a conoscenza della sorte delle loro figlie. In un appartamento di Prato venivano fatte prostituire, a seconda dei periodi, dalle 4 alle 6 ragazze.