Rassegne, al Napoli Teatro Festival Italia debuttano La Notte di Saponaro e SportOpera

38

La sezione italiana della tredicesima edizione del Napoli Teatro Festival Italia, la quarta diretta da Ruggero Cappuccio, presenta domani in prima assoluta La notte, nel Cortile d’Onore di Palazzo Reale (ore 21.00 e ore 23.00). Scritto da Igor Esposito per la regia di Francesco Saponaro, lo spettacolo ha per protagoniste di due vite alla deriva, quelle della cantante Giusy e del pianista Roberto, Lara Sansone e Vincenzo Nemolato. Un piano-bar di Quarto Oggiaro, periferia nord di Milano, si trasforma, da ironico cabaret di equivoci e malintesi, in luogo intimo di confessioni e disvelamenti. La musica fa da contrappunto alla memoria, alternando frammenti di grandi successi della canzone italiana alle armonie di una notte trasfigurata. Al via domani alle 21.00 al Casino della Regina di Capodimonte (ingresso da Porta Miano) SportOpera, a cura di Claudio Di Palma e di Vesuvioteatro, la sezione del Napoli Teatro Festival Italia nata come osservatorio attivo in cui recuperare l’originale relazione tra arte e sport: ”Per gli antichi egizi la parola Nefer sintetizzava il concetto di bellezza e perfezione. Un ideale che nella rimodulazione grafica del geroglifico si traduceva nel segno di una trachea e un cuore, suggerendo cosi’ la sintonia ritmica tra respiro e pulsione cardiaca come sintomo ideale della perfezione – scrive Claudio Di Palma – SportOpera 2020 ricerca teatralmente nei momenti in cui lo sport intuisce, sfiora o fallisce quella sintesi, quegli attimi di tempo in cui il fiato ed il battito concedono nuove percezioni del mondo e nei quali si puo’ decidere se osare o rinunciare”. In prima assoluta, Pre ludi, da Virgilio, Omero e Nonno di Panopoli, con Mariano Rigillo, Patrizio Oliva, Pino Maddaloni, Margherita Granbassi e altri protagonisti del mondo sportivo, accompagnati dalle musiche eseguite dal vivo da Massimiliano Sacchi (clarinetti), Annalisa Madonna (voce), Gianluca Rovinello (arpa), Marcello Giannini (chitarra), Pasquale Benincasa (percussioni).