Rassegne, Napoli Film Festival: all’Hart anteprima di “Voce ‘e sirena” di Dionisio

135

Con un evento speciale nell’ambito della XX edizione del Napoli Film Festival, lunedì 24 settembre, alle ore 21, al Cinema Hart (via Crispi, Napoli), anteprima del film “Voce ‘e sirena” di Sandro Dionisio, ambientato nelle rovine del sito museale di Città della Scienza.
Il lavoro sarà presentato in sala dal regista con Cristina Donadio, Rosaria De Cicco e Agostino Chiummariello. Conduce Francesco Bellofatto.
“Voce ‘e sirena” è un canto alla bellezza millenaria di Partenope, elevato nel momento e nel luogo della sua ultima, più cocente, ferita. Due donne, in modo diverso coinvolte professionalmente nella gestione dell’area museale di Città Della Scienza, attraversano le rovine del rogo che ha oltraggiato la città, e in quelle macerie ritrovano un senso di appartenenza ed evocano le voci più nobili ed antiche della storia millenaria della città.
“Patrizia e Sofia, interpretate rispettivamente Cristina Donadio e Rosaria De Cicco – spiega il regista Sandro Dionisio – rappresentano l’una la borghesia napoletana, l’altra l’invincibile popolo che da sempre, e contraddittoriamente, abita la più importante città del Sud. Sono figure reali, quotidiane, ma riveleranno presto la loro natura mitologica, celando nelle sembianze del commissario di polizia che presiede le indagini sul rogo l’identità di Santa Patrizia, miracolosa compatrona della città , il cui culto affascinantissimo è tenuto vivo dalle suore benedettine che abitano gli spazi di incredibile bellezza dell’antichissimo convento di San Gregorio Armeno, nel centro storico, nella cui figura alcuni studiosi ritengono incarnarsi addirittura il mito della al sirena Partenope, voce somma ed estrema della città, mentre lentamente e pudicamente Sofia si paleserà come simulacro ed eco della nostra più grande diva internazionale: Sofia Loren. Anzi, Sofialorèn”.
“Voce ‘e sirena” è un esperimento necessario di integrazione tra racconto di fantasia e indagine documentaristica, nonché riflessione sulla storia della città tramite materiale di repertorio.
“Un film pensato come canto alla sirena – prosegue Dionisio -, elemento di una riflessione collettiva sulla città e sulla sua indomabile bellezza, che si spera diventi più diffusa”. Con Cristina Donadio, Rosaria De Cicco e Agostino Chiummariello, le più nobili voci di Napoli, da Aldo Masullo a Nicola Spinosa e Marino Niola, da Enzo Moscato a Maria Pia De Vito, ed Elisabetta Moro, sono chiamate a dare volto ad una terra antica, oltraggiata eppure indomabile.