Rassegne, un premio intitolato a Lucia Bosè tra le novità del Festival del cinema spagnolo

124

Nei Quartieri Spagnoli di Napoli si terra’ dal 26 al 30 agosto la seconda edizione del Festival del cinema spagnolo. Dopo il bilancio positivo della passata stagione, sottoliea una nota, la Corte dell’Arte della Fondazione FOQUS – Quartieri Spagnoli Onlus “sara’ palcoscenico di una selezione di film di qualita’ dell’ultimo cinema spagnolo e latinoamericano, in versione originale sottotitolata in italiano, con pellicole inedite ed anteprime nazionali, in un cortile cinquecentesco trasformato in una piazza artistico-culturale”. Tra le novita’ di quest’anno, il Premio “Lucia Bose'”, che sara’ assegnato da una giuria popolare di tre citta’ italiane: Roma, Napoli e Messina. Gli spettatori di Napoli esprimeranno quindi il proprio voto sui film selezionati dal festival e contribuiranno a decidere il vincitore (per votare, www.cinemaspagna.org). La manifestazione, curata di EXIT Media, per la direzione di Federico Sartori e Iris Martin-Peralta, e realizzata con il sostegno dell’Ufficio Culturale dell’Ambasciata di Spagna, di AC/E (il Ministero della Cultura spagnolo) e l’Instituto Cervantes di Napoli, si terra’ per il secondo anno consecutivo nei Quartieri Spagnoli da mercoledi’ prossimo. Ampia la rete di enti che da’ vita alla programmazione napoletana: l’Associazione Napoli Children, la Film Commission Regione Campania, la Fondazione con il Sud, e la Rai in qualita’ di Media partner. Ad aprire l’evento, l’ultimo film di Pedro Almodovar: “Dolor y gloria”, premiato al Festival di Cannes con la Palma alla migliore interpretazione maschile per Antonio Banderas. A partire dalla seconda serata “O que arde (Verra’ il fuoco)” di Oliver Laxe, premio della giuria alla Quinzaine des Re’alisateurs di Cannes; il thriller “70 Binladens – Le iene di Bilbao” di Koldo Serra, regista della serie Netflix “La casa di carta”. Tra i titoli latinoamericani inediti, due anteprime: il pluripremiato film peruviano “Cancion sin nombre” di Melina Leon; e l’atteso biopic sul genio del tango argentino Astor Piazzola, “Piazzolla, la rivoluzione del tango” di Daniel Rosenfeld.