Razzi, è rebus sulla candidatura

21

Roma, 29 gen. (AdnKronos) – Antonio Razzi torna in pista per le prossime elezioni politiche. Forse. A pochi giorni dalla notizia della sua esclusione dalle liste di Forza Italia, il senatore abruzzese conferma le voci su un suo presunto ‘ripescaggio’ nella Circoscrizione Estero. “Ho accettato”, ha ammesso il senatore all’AdnKronos, lamentando però di avere “poco tempo per prepararmi”. “Io aspettavo un seggio in Abruzzo”, ha spiegato, riconoscendo che “sarà un’impresa essere eletto all’estero”. Ma il senatore, dopo qualche perplessità, ha deciso di accettare la proposta di un seggio all’estero: “Ho dato la mia disponibilità”. D’altronde, il senatore non ha mai messo in dubbio la sua fedeltà al partito: “Io rimarrò per sempre con Berlusconi”.

Ma la candidatura di Razzi sarebbe in realtà fortemente in bilico. In questi giorni il suo nome è infatti salito e sceso più volte nel toto candidature. Raccontano di una sua preferenza iniziale alla Camera o al Senato in Abruzzo, sua terra natia (ma qui non avrebbe ottenuto nulla causa sovraffollamento anche per la presenza di alcuni ‘catapultati’), poi sarebbe stato in ballo per un seggio nella circoscrizione estero, in Europa.

Raccontano che un po’ per i suoi tentennamenti, un po’ per l’eccessiva esposizione mediatica e anche per la necessità di venire incontro alle richieste di vari aspiranti onorevoli e uscenti alla ricerca di una riconferma, Razzi sarebbe rimasto fuori dai giochi.

Il senatore di Fi Lucio Malan, incaricato di occuparsi del dossier estero, ha iniziato a presentare stamane in Corte d’Appello a Roma le liste del centrodestra Fi-Lega-Fdi. Ne sono state consegnate tre su otto. Nel dettaglio: quelle per il Nord America (Camera e Senato) e per l’Europa (Senato). Manca all’appello ‘Europa’ Camera, dove si parlava appunto di un posto per Razzi, ma nelle ultime ore la sua candidatura sarebbe tornata in alto mare.