Rc Auto, barricate contro la possibile norma sulle compensazioni

24
“Il viceministro all’Economia, Massimo Garavaglia, ha dichiarato oggi che la norma sull’rc auto non l’ha mai vista o condivisa. Il fatto che non l’abbia vista non ci rassicura, il fatto che non l’abbia condivisa, invece, ci fa sperare in una modifica”. Lo afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione nazionale consumatori. “Con tutta la simpatia che possiamo avere per i nostri amici napoletani – prosegue Dona – non esiste che la riduzione del loro premio sia pagato dagli automobilisti di Bolzano, dato che è ovvio che le compagnie traslerebbero lo sconto obbligatorio verso i consumatori che risiedono nelle province più virtuose. No, quindi, a compensazioni tra Napoli e Bolzano” prosegue Dona. “Siamo contrari – dice – non solo perché si tratterebbe del solito gioco delle 3 carte, che il ministro Di Maio aveva escluso, ma perché alla fine i premi aumenterebbero per tutti”, prosegue Dona. Si introdurrebbe infatti un meccanismo di compensazione inefficiente, considerato che è normale che un’impresa consideri nel calcolo del premio la sinistrosità di quella zona. Si avrebbe quindi un riallineamento che, premiando le zone con più incidenti a danno di quelle con meno sinistri, peggiorerebbe l’efficienza del mercato e finirebbe per determinare uno svantaggio per i consumatori nel loro complesso, facendo innalzare il premio medio” conclude Dona.