Rc Auto, per neopatentati tariffe ancora proibitive: a Napoli una polizza costa 948 euro l’anno

37

Le tariffe Rc Auto sono diminuite nel corso degli ultimi 5 anni, ma non per tutti. I neopatentati continuano ancora a subire prezzi abnormi e in alcuni casi proibitivi. Lo afferma il Codacons, commentando i dati della relazione annuale dell’Ivass. “Le novità in tema di assicurazioni, a partire dalla scatola nera, hanno portato a un’effettiva riduzione dei prezzi, ma esistono categorie di utenti per le quali risulta estremamente dispendioso assicurare la propria autovettura – spiega il presidente Carlo Rienzi – dagli stessi dati Ivass risulta infatti che i neopatentati hanno subito un rincaro delle tariffe pari al 3,1% su base annua nell’ultimo trimestre del 2017, e in alcune province per tali automobilisti i costi dell’rc auto sono astronomici”. “Il record del caro-polizza per i neopatentati spetta a Prato, dove a fine 2017 assicurare un’auto costava 1.111 euro, mentre 948 sono gli euro richiesti ad un neopatentato residente a Napoli – conclude Rienzi – non si può pertanto cantare vittoria sul fronte dell’rc auto fino a che i costi delle polizze non saranno abbattuti per tutte le categorie di assicurati”.