Real sito di Carditello, boschi e vivai saranno tutelati

10

La Regione Campania e la Fondazione Real Sito di Carditello hanno sottoscritto un protocollo d’intesa per la realizzazione di iniziative per la tutela del verde e dell’attività vivaistica nelle aree a verde e boschive annesse al Real Sito, con l’obiettivo di restituire queste importanti aree alle originarie funzioni agricole e d’allevamento oltre a renderle fruibili per le attività turistico-culturali. Il protocollo si colloca nell’ambito dell’articolata attività di restauro, recupero e rifunzionalizzazione del Real Sito di Carditello, attuata dalla Fondazione che ha tra i fondatori promotori la Regione Campania, il Ministero dei Beni e le Attività Culturali e il Comune di San Tammaro. “Questa intesa – dice Franco Alfieri, capo della segreteria del presidente De Luca – rappresenta un tassello fondamentale del progetto di recupero e valorizzazione del Real Sito, che, dopo la fase iniziale focalizzata sui beni architettonico-monumentali, concentra ora l’attenzione sulle aree verdi e boschive, di indiscusso valore storico e paesaggistico, annesse al Sito. Vogliamo che queste aree tornino ad essere il giardino storico e la stazione sperimentale di agricoltura e allevamento di un tempo, dove poter svolgere anche attività di formazione e educazione ambientale”. “Le aree a verde del Real Sito di Carditello rientrano nel progetto di valorizzazione a cui la Fondazione dedica i suoi sforzi – commenta Luigi Nicolais, presidente della Fondazione Real Sito di Carditello – Il Sito, infatti, ha avuto fin dall’origine un legame forte con il paesaggio e la sua estensione va ben oltre la cinta muraria, comprendendo le zone boschive, che lasciano intendere quanto vasto dovesse essere il territorio compreso nella visione dei Borbone. Grazie a questo protocollo di intesa, ci auguriamo di poter rendere fruibili le aree boschive, ampliando l’offerta al pubblico anche con attività di divulgazione dedicate al tema della natura e del paesaggio”. Il protocollo ha durata biennale e prevede, in prima istanza, la realizzazione di iniziative che riguardano: la manutenzione e cura del bosco di Eucaliptus e delle aree contigue; la manutenzione, cura e consulenza al progetto di diradamento e fruibilità del bosco di Leccio; la manutenzione e cura del Real Sito di Carditello; l’organizzazione e partecipazione ad eventi divulgativi ed informativi sulla biodiversità e sulla valorizzazione del Sito compatibile con la propria storica funzione di centro agricolo. Il Real Sito e’ visitabile tutte le domeniche, dalle 9 alle 12.30, con ingresso libero e gratuito. Il programma delle attività in corso e’ consultabile sul sito web della Fondazione www.fondazionecarditello.org e comprende concerti, visite didattiche dedicate agli istituti scolastici, spettacoli teatrali, eventi equestri, convegni e incontri.