Reddito di cittadinanza, truffe e denunce nel Napoletano: percepito indebitamente da 1204 persone, danni per 6,5 milioni

109
(Imagoeconomica)

Sono 1204 le persone che hanno indebitamente percepito il reddito di cittadinanza in base ai controlli svolti da novembre 2021 ad aprile 2022. Tra questi i carabinieri del comando provinciale di Napoli hanno scoperto 651 posizioni irregolari e 553 persone denunciate per truffa ai danni dello Stato. Il conto totale dei danni all’erario ammonta a 6.557.931,86 di euro. Una cifra emersa dal controllo di 1.167 nuclei familiari e 2300 persone. Maglia nera appartiene di diritto alla provincia nord orientale di Napoli con il dato di Marano che copre più di un terzo degli oltre 6 milioni di euro di totali. Conti alla mano, i carabinieri hanno riscontrato con un lavoro certosino che ben 2.789.602,62 di euro sono stati versati nelle tasche di persone residenti in quell’area che non avevano alcun diritto al beneficio del reddito di cittadinanza. Sono 125 le persone denunciate, di queste 101 hanno precedenti penali. A ottenere la medaglia d’argento in questa singolare chart un cospicuo numero di residenti delle municipalità 1 e 2 di Napoli (quartieri San Ferdinando, Chiaia, Posillipo, Montecalvario, San Giuseppe, Avvocata, Mercato, Pendino e Porto). In questa parte della città il bilancio parla di 916.520,43 euro di danno all’erario, con 160 persone segnalate per la revoca del beneficio. Area più virtuosa quella vesuviana. Nell’area sud del capoluogo, l’ammanco ammonta a 287.927,99 euro. Peggiore della classe l’area stabiese nella quale sono stati rilevati crediti nei confronti dello Stato per 95.175,02 euro.