Regali solidali, apre a Napoli “Spazio Natale” di Emergency

153

“Anche per il prossimo Natale, Emergency trasforma l’affannosa ricerca del regalo perfetto nella possibilità di garantire cure alle vittime della guerra”. Lo fa sapere la ong fondata da Gino Strada che da oggi ha riaperto a Napoli lo “Spazio Natale”, un piccolo shop solidale dove sarà possibile acquistare agende e calendari, accessori e capi d’abbigliamento, libri e giocattoli, gadget e articoli di cancelleria. Tutto in chiave solidale. Nel cortile di Palazzo Fondi, in via Medina, si possono trovare fino al 24 dicembre proposte originali come i gioielli ricavati dall’alluminio delle mine antiuomo e idee tradizionali come la pallina di Emergency da appendere all’albero, il domino in legno decorato con motivi natalizi, vasi, anfore, tazze, borse e oggetti in vetro lavorati a mano dagli artigiani di Herat, Afghanistan, che perpetuano un’antica tradizione.
Nello Spazio Natale di via Medina, inoltre, ci sarà la possibilità di comporre ceste natalizie personalizzate con prodotti enogastronomici: dal cioccolato della Repubblica dominicana al vino e alle specialità dolciarie regionali che l’organizzazione riceve in dono da piu’ di 600 aziende italiane. Il ricavato sarà destinato agli ospedali di Emergency in Afghanistan e Iraq, “dove, sfidando i rischi quotidiani, l’organizzazione continua a offrire prestazioni mediche gratuite e di elevata qualita’”.
La prima meta’ del 2018 ha visto il piu’ alto numero di vittime civili in Afghanistan degli ultimi dieci anni, 5.122, mentre in Iraq i conflitti nel Nord del Paese e nei territori limitrofi hanno portato recentemente a un riacuirsi della tensione. Presente in Afghanistan dal 1999, Emergency ha curato quasi 6 milioni di persone negli ospedali di Kabul e Lashkar Gah, nel centro di maternita’ di Anabah e nei posti di primo soccorso. In Iraq, invece, la Ong ha curato oltre 950.000 persone nei campi profughi del Kurdistan iracheno e nel Centro di riabilitazione e reintegrazione sociale di Sulaimaniya. Anche in Campania la presenza e’ significativa: nel poliambulatorio di Castel Volturno, Emergency ha assistito dal 2013 una platea di oltre 9mila cittadini (2500 nel 2018 con 8800 prestazioni), soprattutto africani. A Ponticelli, invece, la Ong ha curato 2780 pazienti (piu’ di 1500 nel 2018), dei quali ben il 30 per cento sono napoletani indigenti, con l’allarmante dato secondo cui la nazionalita’ prevalente e’ quella italiana. Rilevano i promotori: “Sono doni, quelli messi a disposizione da Emergency, che valgono per tre: dietro a molti oggetti, infatti, si nascondono storie emozionanti”. “Chi sceglie di comprare nello Spazio Natale fa un regalo non solo a chi lo riceverà, ma anche a qualcuno che non vede e, prima ancora, a se stesso, sapendo di aver fatto la cosa giusta”, sottolinea Peppino Fiordelisi, che coordina in Campania le attività dell’associazione. Due delle novita’ di quest’anno vengono proprio da Iraq e Afghanistan: articoli di pelletteria realizzati da ex-pazienti del Centro di Sulaimaniya che hanno seguito un corso di formazione in ospedale, e orsetti di tessuto fatti a mano da una cooperativa tessile tutta al femminile di Bamiyan. A questi si aggiungono i portachiavi in ceramica, lavorata da un artigiano di Castelli, in provincia di Teramo, dopo il sisma, e gli immancabili prodotti della filiera solidale, molti dei quali provenienti dalle carceri.