Reggia di Carditello, un flashmob attorno al tempietto con i suoni primordiali della tradizione buddista

59
in foto Luigi Nicolais

Un grande flashmob con i suoni primordiali del canto OM, domenica 21 giugno, avvolgerà il Real Sito di Carditello ed i boschi che lo circondano. Suoni mistici come le campane, il flauto, l’harmonium, le conchiglie ed i grilli, che accompagneranno tutti i partecipanti in un viaggio nel tempo – riuniti in cerchio intorno al tempietto dove Ferdinando IV di Borbone amava festeggiare il miracolo delle stagioni – fino a trasformarsi in uno strumento musicale per eccellenza. “Proprio come un musicista utilizza il diapason per accordare una chitarra o un sitar – spiega Luigi Nicolais, presidente della Fondazione – Carditello, oltre ad essere un sito culturale, si propone di stimolare il benessere psicofisico dei visitatori e di valorizzare lo sviluppo del territorio, promuovendo il binomio natura e cultura. Unirsi e cantare in gruppo crea sintonia, solidarietà e grande vicinanza, rafforzando la nostra politica di inclusione ed aprendo le porte di Carditello a tutti. Per partecipare al flashmob non occorre saper cantare o avere particolari abilità, ma semplicemente voler stare insieme e condividere una giornata di festa”. Non solo canto, ma tanti eventi gratuiti dedicati agli amanti della natura, agli sportivi e ai bambini, che avranno per la prima volta la possibilità di passeggiare e giocare con i pony nel galoppatoio della Reale Delizia.

.