Reggia di Caserta, Franceschini: Nessun ritardo su nomina direttore

54

Sulla nomina del nuovo direttore della Reggia di Caserta non c’è alcun ritardo da parte del Mibact“. Così il ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini ha risposto ai cronisti circa i tempi di scelta della nuova figura di dirigente che dovrebbe gestire il Palazzo Reale Borbonico patrimonio dell’Unesco dopo la trasformazione, sancita dalla riforma voluta dallo stesso responsabile del Mibact, in ente museale sul modello degli Uffizi di Firenze. La nomina, in un primo momento, era stata annunciata per giugno, poi i tempi della Commissione, che dovrebbe scegliere tra le 350 candidature provenienti anche dall’estero, si sono dilatati: si parla di settembre-ottobre. Intanto però alla Reggia Vanvitelliana i contratti di manutenzione sono scaduti e in assenza di un dirigente apicale nessun funzionario si è preso la responsabilità di dar corso ai nuovi affidamenti, con problemi al Parco reale e agli altri servizi, tra cui quelli igienici, e disagi per i turisti. La scorsa settimana, il Direttore generale dei Musei Ugo Soragni, con apposito decreto, dopo aver constatato che “la situazione è al limite del collasso e richiede un intervento amministrativo straordinario, ancorché di carattere temporaneo“, e aver indicato tra le criticità quelle relative ai “venditori abusivi“, sui cui la Prefettura e la Questura di Caserta hanno avviato varie iniziative, e alle “competenze e agli incarichi di lavoro del personale, spesso affidati in difformità dei relativi profili“, ha nominato il funzionario in servizio alla Reggia, Flavia Belardelli, nuovo direttore pro-tempore, con competenze proprio sul personale e sull’attività di manutenzione. Belardelli sostituisce il Segretario Regionale della Campania Luca Maggi, la cui gestione, è scritto nel decreto, “ha mostrato segni di inefficienza considerato il carico di lavoro che grava sul Segretario Regionale“. Maggi conserverà il ruolo di funzionario liquidatore del Polo Museale in cui era inserita la Reggia insieme a musei napoletani, come Capodimonte.