Regionali in Sicilia, Chinnici (Pd) vince le primarie dei progressisti

32
in foto Caterina Chinnici

Le primarie del campo progressista hanno decretato che sara’ Caterina Chinnici, che ha ottenuto 13.519 voti, la candidata alla presidenza della Regione dell’area che include il Pd il M5s, i Centopassi e partiti e movimenti di centrosinistra. Il deputato regionale Claudio Fava (Centopassi) ha ottenuto 6.977 preferenze mentre la sottosegretaria all’Istruzione Barbara Floridia del M5s ha preso 10.068 voti arrivando seconda. I voti si riferiscono solo alle preferenze espresse online. I voti nei gazebo sono circa 1400 quindi non influirebbero sul risultato. Gli iscritti per votare erano 43020 di questi il 6% votava nei 32 gazebo sparsi nei comuni e nei capoluoghi. Hanno votato online 30.640 persone, il 77%. Chinnici quindi sfidera’ il candidato del centrodestra se i partiti di questa coalizione troveranno la quadra per un candidato unico considerate le discussioni in corso tra Fi, Udc, Lega, Mpa, Noi con l’Italia e Fratelli d’Italia sulla ricandidatura del governatore Nello Musumeci su cui spinge Fdi mentre gli altri sono contrari. Il campo progressista pero’ deve fare i conti con quella che appare ormai un’insanabile spaccatura a livello nazionale tra Pd e M5s e bisognera’ vedere se da qui alle elezioni regionali, la cui data non e’ stata ancora fissata, non ci saranno nuovi colpi di scena con la frantumazione del fronte che finora in Sicilia e’ sembrato coeso sulla scelta di un candidato unico per contrastare il centrodestra. Chinnici, 67 anni, eurodeputata del Pd, e’ figlia del consigliere istruttore di Palermo Rocco Chinnici assassinato dalla mafia il 29 luglio 1983. Ei stata il piu’ giovane magistrato a essere nominato capo di un ufficio giudiziario. E’ stata procuratore presso il Tribunale per i minorenni di Caltanissetta e, successivamente, presso il Tribunale per i minorenni di Palermo. Nel 2009 e’ stata assessore regionale per la famiglia, le politiche sociali e le autonomie locali sotto la presidenza di Raffaele Lombardo. Dal luglio 2012 ha ricoperto liincarico di capo del dipartimento per la Giustizia minorile al ministero della Giustizia. Eletta nel 2014 nel parlamento europeo e’ stata rieletta nel 2019 e nominata vice presidente della commissione CONT (Controllo dei Bilanci), membro della commissione LIBE (Liberta’ civili, giustizia e affari interni) e membro del gruppo di controllo parlamentare congiunto su Europol