Regione Campania, 30 mln per le Comunità montane: saranno pagati i forestali dell’Ufita

101

Pagamento di una mensilità arretrata ai lavoratori della Comunità Montana Ufita da parte dell’ente e stanziamento, con apposita delibera di Giunta regionale, di ulteriori 30 milioni di euro degli 80 stanziati nel 2018 da parte della Regione Campania. Questi gli impegni assunti nel corso dell’incontro avvenuto oggi a Napoli tra il delegato all’Agricoltura del Presidente della Regione Campania, Franco Alfieri, i rappresentanti regionali di Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil Campania, al quale ha partecipato anche una delegazione dei 280 operai idraulico-forestali in presidio permanente dallo scorso 7 gennaio nella sede dell’ente montano ad Ariano Irpino per rivendicare il pagamento delle spettanze arretrate.

Nei giorni scorsi le segreterie regionali dei tre sindacati confederali di categoria avevano sollecitato l’impegno congiunto di Comunità Montane e Regione Campania affinchè si mettessero in campo tutte le risorse disponibili a garantire il riallineamento degli stipendi che gli operai idraulico-forestali di molte Comunità Montane della Campania ancora vantano. L’incontro di oggi, convocato in seguito alla protesta dei dipendenti dell’Ufita, è servito anche a fare il punto della situazione sul contesto generale in cui versano gli enti montani.

La Flai Cgil Campania continuerà a vigilare sul rispetto degli impegni assunti in data odierna mentre si prepara la mobilitazione unitaria del prossimo 9 febbraio a Roma, che vedrà scendere in piazza Cgil, Cisl e Uil e al quale prenderanno parte anche gli operai idraulico-forestali della Campani per chiedere l’impegno del Governo a rifinanziare il “Fondo per la Montagna” dedicato alle aree interne e a rinnovare in tempi rapidi il contratto nazionale.