Regione Campania, De Luca attacca: Appalti Covid, c’è stato un tentativo di speculazione politica, ma è fallito

64
in foto Vincenzo De Luca

“C’è stato un tentativo di speculazione politica e aggressione mediatica sulla nostra sanità. Mi pare che abbia lasciato il tempo che trova”. Lo afferma il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca commentando le inchieste sui covid center sorti a Napoli, Caserta e Salerno. “Avremmo potuto – ha spiegato – usare procedure straordinarie, non lo abbiamo fatto, anche sull’ospedale modulare abbiamo fatto procedura di gara pubblica, non chiamando cinque imprese senza bando”.

I giudici controllino, troveranno trasparenza

“Sollecitiamo i controlli con la massima tranquillità. C’è stato in questi giorni un tentativo di equiparare alcune gravi questioni che hanno riguardato le Regioni del Nord con la Campania, un tentativo fallito, tranne qualche testata del nord la cosa ha fatto la fine che meritava”, continua il governatore in merito alle inchieste giudiziarie e giornalistiche sui covid center. “La Campania – aggiunge DE Luca – esprime il massimo rispetto per ogni iniziativa di controllo di legalità e legittimità degli atti. Abbiamo dato prova di efficienza, concretezza e coraggio amministrativo, cosa che non è stata digerita da tutti. Molti si aspettano che Napoli sia ancora la camorra o il caos”. “Abbiamo ovviamente agito in maniera accelerata ma con una procedura ordinaria. Si facciano quindi tutti i controlli di legalità ma troveranno modelli di correttezza e trasparenza. Non ci distraiamo e continuiamo a pensare all’attività per la salute dei cittadini”.

Ora la priorità è l’apertura sicura dell’anno scolastico

“Ora la nostra priorità è consentire l’apertura in sicurezza del’anno scolastico” dice De Luca spiegando che “ci concentriamo perché il covid attacca più di prima i giovani, si pensava che non li riguardasse invece ora abbiamo contagi dai 18 ai 50 anni”. “Il Governo – ricorda – si è impegnato a fare 1,3 milioni di test sierologici, noi nelle strutture regionali faremo il test molecolare per chi è positivo al sierologico. Ci prepariamo a fare questo lavoro dall’ultima settimana di agosto e i controlli si faranno nelle scuole statali e negli istituti paritari. Intanto stiamo acquistando le mascherine per darle ai ragazzi delle scuole superiori. Non ci sarà molto tempo per fare tutte le cose che ci raccontano dal governo, il distanziamento, i banchi, siamo a metà agosto, concentriamoci sulle cose possibili. Il resto sarà un di più”.

Con Garanzia giovani 21mila a tempo indeterminato

“Con il lavoro fatto per garanzia giovani, aiutando le imprese che assumevano giovani disoccupati, registriamo 40.462 assunzioni di giovani da parte di aziende campane sulla base del contributo della Regione, di questi, 21.000 sono a tempo indeterminato. Un miracolo”, dice ancora il presidente della Regione Su garanzia giovani – spiega – “abbiamo speso e certificato 191 milioni, tutte le risorse assegnate alla Campania. Abbiamo anche finanziato 600 piccole attività commerciali di giovani autonomi, e quindi avremo nei prossimi anni 220 milioni di euro da utilizzare per garanzia giovani”. “Rispetto al piano socio economico lanciato in Campania, perché consapevoli che non siamo in Svezia e le famiglie hanno bisogno di un sostegno, abbiamo varato un nuovo bando da 10.000 euro per i musei provinciali e da 3600 euro ai restanti musei di interesse regionale. Daremo un contributo da 10.000 euro alle Biblioteche dei capoluoghi di provincia e contributi anche alle piccole biblioteche. Agli istituti culturali andrà un contributo di 2600 euro. In più è stato varato il decreto per le aziende bufaline con 285 beneficiari che avranno 2700 euro di contributo, ma anche per le aziende florovivaistiche. Intanto finora 21.000 aziende agricole che hanno avuto contributi per un totale di 46 milioni di euro.

Presto bandi di 1.000 euro per i lavoratori dello spettacolo e le guide

“È in preparazione un bando per dare una mano ai lavoratori dello spettacolo, del comparto audio-visivo, delle guide turistiche, un contributo di mille euro”, aggiunge. E “per quanto riguarda le aziende turistiche, abbiamo chiuso venerdì 1° agosto il bando per il turismo. Sono arrivate 3.741 pratiche, per un importo di 11 milioni che liquideremo nei prossimi giorni. Inoltre abbiamo iniziato i pagamenti per il comparto del trasporto, tassisti e operatori Ncc: da lunedì scorso abbiamo iniziato i pagamenti per i primi 2.500 operatori”.