Regione Campania, Scabec vara l’Osservatorio della cultura: proposte online per rilanciare il settore

421
in foto Umberto Croppi

Scabec, società in house della Regione Campania, dopo il confronto tra il governatore Vincenzo De Luca e gli operatori della cultura e dello spettacolo dello scorso 18 maggio, ha istituito l’osservatorio cultura della Campania, per ascoltare e raccogliere dati e suggerimenti per uno dei settori più colpiti dall’emergenza Covid-19. L’organo, presieduto e coordinato da Umberto Croppi, direttore di FederCulture, è composto da esponenti del mondo culturale, artistico e accademico: per la presidenza della Regione è presente Patrizia Boldoni, mentre per la Scabec ci sono Alessandro Remondelli e Alfonso Pagano. Con loro partecipano all’osservatorio Antonio Parlati (direttore centro di produzione Rai di Napoli), Vincenzo Loia (rettore Università di Salerno), Lucio D’Alessandro (rettore Università Suor Orsola Benincasa), Roberto Formato (direttore Fondazione Real Sito di Carditello), Lina Gisonna (Fondazione Campania dei Festival), Giuseppe Morra (Fondazione Morra), Roberta Russo (Teatro Bellini di Napoli), Luigi Vicinanza (presidente Fondazione Cives Museo MAV), Giuseppina De Luca (Università di Salerno), Marina Colonna (associazione Dimore storiche italiane), Maria Pia De Vito (artista, docente al Conservatorio di Avellino), Agostino Riitano (cultural project manager), Ferdinando Tozzi (giurista, esperto in diritto d’autore), Pasquale Scialò (compositore e docente Conservatorio Martucci di Salerno) e Patrizio Ranieri Ciu (regista teatrale, compositore e poeta). L’Osservatorio, oltre ad un confronto tra tutti i suoi partecipanti, ha attivato un questionario online che servirà a mappare il comparto culturale e a registrare gli effetti della chiusura delle attività culturali e dei luoghi della cultura. Il questionario si può compilare fino al 15 giugno direttamente sul sito https://osservatorio.scabec.it/. “Ripartiamo – sottolinea De Luca – con fiducia con Campania sicura, è questo il messaggio forte che useremo per rilanciare il turismo, la cultura, gli spettacoli che rappresentano un settore trainante della nostra regione”. “L’iniziativa della Scabec – rimarca Croppi – di promuovere e costituire un osservatorio per le attività culturali della Campania è un segnale particolarmente importante di attenzione e di ascolto per le esigenze di un comparto così significativo per questo territorio”.