Regione, De Luca presenta il piano ospedaliero: 250 posti letto in più nel Salernitano

55
foto Massimo Pica

Un nuovo ospedale a Salerno e 250 posti letto in più nei nosocomi della provincia: il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, ha presentato stamani a Salerno il piano ospedaliero regionale riguardante la provincia di Salerno per la quale sono stati stanziati complessivamente 610 milioni di euro. Nell’affollata sala Pasolini, dell’ex cinema Diana del lungomare cittadino, De Luca dopo aver fatto un excursus sul piano regionale, ha illustrato gli interventi che saranno attuati nelle strutture ospedaliere della provincia di Salerno. Innanzitutto il presidente della Regione ha tenuto a sottolineare come per alcune strutture ospedaliere della provincia sia stata scongiurata la chiusura. Chiaro il riferimento al pronto soccorso di Scafati, a quello di Castiglione di Ravello e di Agropoli. Un’operazione di salvataggio è stata fatta per la struttura dell’ospedale di Roccadaspide accorpato ai nosocomi di Eboli e Battipaglia. Per quanto riguarda invece l’ospedale Da Procida del capoluogo diventerà una importante unità spinale ed un polo pubblico della riabilitazione.
Discorso a parte per l’intera struttura dell’azienda ospedaliera universitaria San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona che sarà costruita ex novo su un suolo pianeggiante a cento metri dall’attuale ospedale. “Entro aprile prossimo – ha detto De Luca – la pubblicazione del bando di progettazione. Sarà una struttura di architettura moderna – ha annunciato- proseguendo nella scia delle opere già realizzate a Salerno”. Per il nuovo Ruggi si prevede uno stanziamento di 400milioni di euro (327 milioni con il Patto dello sviluppo e 75 milioni ex articolo 20). Naturalmente il soggetto attuatore sarà la Regione Campania, mentre la stazione di committenza ausiliaria sarà la Soresa. De Luca non ha lesinato bacchettate ai suoi predecessori in Regione Campania. Una vecchia polemica riguardante la somma di 200 milioni di euro. “Il Ruggi d’Aragona assieme all’ Ospedale del Mare e al Policlinico di Caserta, era previsto che dovesse essere uno dei tre principali della regione. Quando ci siamo insediati abbiamo scoperto che non c’era neanche un euro, dopo che per quindici anni ci hanno raccontato che avevano accantonato 200 milioni di euro”. De Luca ha anche annunciato che in Campania entro l’anno saranno stabilizzati i precari e pure i lavoratori con partita Iva. Il governatore che era accompagnato dai direttori generali di Asl Salerno e Azienda Ospedaliera Universitaria Ruggi d’Aragona, infine ha annunciato che nei nosocomi dell’intera provincia ci sarà con il nuovo piano un incremento di 250 posti letto.