Regione, nuove tecnologie e beni culturali: summit a Palazzo Santa Lucia

27

Si è tenuto oggi nella sala De Sanctis della Regione Campania, un incontro a cui hanno partecipato i rappresentanti delle realtà Mibac del territorio regionale, alla presenza del Capo di Gabinetto, Sergio De Felice, vice capo di Gabinetto e responsabile della Programmazione Unitaria, Maria Grazia Falciatore, consigliere per la Cultura e i beni culturali, Patrizia Boldoni, Direzione Cultura e Turismo, Rosanna Romano e Direzione Ricerca, Vito Merola. La finalità dell’incontro è stata quella di confrontarsi e condividere le scelte relative alla programmazione dell’obiettivo Specifico 2.2 “digitalizzazione dei processi amministrativi e diffusione di servizi digitali pienamente interoperabili” del Por Campania Fesr 2014-2020, in relazione ai fabbisogni tecnologici e innovativi dei beni culturali.
La linea strategica delle attività da implementare in attuazione della Delibera n.101 di febbraio 2018, attraverso la quale si è dato avvio al programma quadro – “La cultura nella città”, con la quale la Regione Campania ha definito le azioni per il raggiungimento di obiettivi capaci di legare la ricerca e l’innovazione allo sviluppo economico e sociale. Per la crescita dell’uso del digitale nel settore culturale ha importanza strategica l’investimento su open data, open services, big data , servizi innovativi per le disabilità sensoriali, altri servizi ICT.
L’obiettivo della Regione Campania è soprattutto sostenere il processo di innovazione delle istituzioni culturali, promuovendo l’accesso alle informazioni e della conoscenza, implementando l’alfabetizzazione digitale, sviluppando approcci innovativi in termini di organizzazione, condivisione, accessibilità e gestione dei beni culturali. Durante l’incontro sono state rappresentate le prime esigenze espresse dai presenti ed è stata condivisa l’idea di definire un percorso evolutivo che accompagni ciascun ente verso un utilizzo efficiente e flessibile delle tecnologie Ict, al fine di garantire elevate prestazioni gestionali nell’erogazione di servizi più adeguati alle esigenze dei cittadini e dei turisti.
Gli interventi a cui si intende dare priorità sono: sistema informativo culturale, vivere l’arte attraverso la messa in gioco dei sensi: servizi per le disabilità sensoriali, Centro Regionale per i Beni Culturali della Campania, percorsi interattivi intelligenti, realtà aumentata e realtà virtuale in cloud, Mediateca regionale del Cinema Archivio dei teatri campani e delle Arti visive. È prevista la costituzione di gruppo di lavoro integrato per il dettaglio degli interventi a valle della rilevazione del fabbisogno espresso dai singoli enti.