Regione, procedimenti amministrativi chiusi in 90 giorni: via libera alla legge di semplificazione

27

Tempi certi per la conclusione dei procedimenti che non vada oltre i 90 giorni. Il Consiglio regionale della Campania ha approvato con i voti della maggioranza il Regolamento per l’attuazione delle misure di semplificazione dell’apparato amministrativo. Il voto di oggi del parlamentino campano è relativo al Capo II della legge 11 dell’ottobre 2015. L’articolo, il numero 9, prevede che la Giunta regionale, con proprio regolamento, stabilisce i termini, non superiori a novanta giorni, per la conclusione dei procedimenti amministrativi di propria competenza. Tempi superiori ai 90 giorni possono essere previsti solo in via eccezionale, nei casi in cui “tenuto conto della natura degli interessi pubblici tutelati e della particolare complessità del procedimento, si ritengono indispensabili termini superiori”. Il termine massimo, in questo caso, non può andare oltre i 120 giorni. Il regolamento, a iniziativa del presidente della Giunta regionale, Vincenzo De Luca, individua i termini di conclusione dei procedimenti amministrativi di competenza della Giunta regionale, nei casi in cui disposizioni di legge o di regolamento non fissino tempi procedimentali diversi, teso a garantire tempi non superiori a novanta giorni per la conclusione dei procedimenti di titolarità regionale. Il provvedimenti individua, dunque, per ogni procedimento di competenza regionale, un termine certo di conclusione. La relativa tabella sarà pubblicata sul sito istituzionale della Regione Campania nella sezione “Amministrazione trasparente”.