Regione, via libera al Documento economico finanziario

43

Passa in aula il Documento economico finanziario 2016 della Regione Campania per il 2016. Il testo è stato approvato con 29 voti favorevoli e 15 contrari. Il Consiglio ha approvato il primo documento di carattere economico, arrivato a inizio dicembre in Commissione, il Documento economico ginanziario della Regione Campania che descrive gli obiettivi da realizzare. Il Defr è da considerare la premessa delle previsioni finanziare contenute nel bilancio di Previsione pluriennale, per il triennio 2016-2018. “Un bilancio rigoroso che per intraprendere il percorso della ripresa economica e della crescita –  ha detto Lidia D’Alessio, assessore al Bilancio della Regione Campania – Una manovra di circa 20 miliardi che ridurrà ulteriormente i costi della macchina amministrativa regionale. Circa la metà delle risorse in Bilancio è destinata alla sanità, circa 5 miliardi sono le partite di giro, tre miliardi e mezzo sono destinati a spese vincolate”.

Stefano Caldoro, capo dell’opposizione di centrodestra in Consiglio regionale della Campania, intervenuto in aula nel dibattito sul Documento economico finanziario della Regione ha replicato: “L’assessore al Bilancio è fortunata perché affronta il Defr in una Campania che abbiamo reso finalmente una Regione normale grazie alla nostra azione di risanamento dei conti. La nostra azione di risanamento dei conti ha consentito alla Campania di recuperare negli anni il rating nazionale, abbiamo consegnato un bilancio sano. Abbiamo messo in campo 4 proposte concrete per contribuire allo sviluppo e alla crescita – ha aggiunto – 500 milioni per l’assegno di sostegno alle famiglie in area di povertà, 500 milioni alle imprese per ridurre l’addizionale Irap, la proroga del Piano casa. Tra le proposte anche misure per sicurezza e garanzie ai Comuni per completare opere dell’accelerazione della spesa per complessivamente 1 miliardo”.