Registro tumori, a Salerno è fermo al 2011

35

Gli ultimi dati che l’Asl di Salerno ha trasmesso alla banca dati del registro regionale dei tumori in Campania risalgono al 2011, benchè siano stati inviati nel maggio 2018. È quanto emerge dalla risposta fornita dall’assessore regionale alle Attività Produttive, Antonio Marchiello, al consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Michele Cammarano, nel corso della seduta di Question time che si è svolta stamattina nel Consiglio regionale della Campania. Cammarano, in un’interrogazione, denunciava che “dagli archivi dei medici di medicina generale operanti in 70 Comuni a Sud di Salerno” sarebbe stata riscontrata “una prevalenza di ammalati cancro rispetto alla media nazionale”. Il consigliere M5S segnalava al presidente della giunta Vincenzo De Luca l’assenza di “di un registro dei tumori nell’Asl di Salerno che permettesse un monitoraggio dei casi”, chiedendo al governatore “l’aggiornamento e la pubblicazione dei dati sui tumori in provincia di Salerno”. La risposta di Marchiello non ha soddisfatto Cammarano nonostante l’assessore abbia annunciato le iniziative intraprese dall’Asl: “il completamento dei casi incidenti dell’anno 2012 – si legge nella risposta fornita al consigliere -; la codifica dei casi del 2013; l’acquisizione dei referenti di anatomia patologica dell’anno 2014”.