Renato Franceschelli nuovo prefetto di Genova, lettera alla città: Scelte condivise e massimo ascolto

217
in foto Renato Franceschelli

“Mi pongo nei confronti della nuova realtà con lo spirito di chi è pronto ad ascoltare tutti coloro che rappresentano legittime istanze del territorio con l’intenzione di adottare scelte quanto più condivise. Sono sicuro di trovare al mio fianco in questo cammino tutte le Amministrazioni locali e le realtà territoriali”. Lo scrive in una lettera il nuovo prefetto di Genova Renato Franceschelli che si è insediato nel Palazzo del Governo al posto del prefetto Carmen Perrotta, richiamata a Roma. “Le varie componenti della società civile – prosegue Franceschelli – troveranno in me un convinto sostenitore di qualsiasi iniziativa testa ad andare incontro ai bisogni della collettività, soprattutto delle persone più deboli, per affermare quei valori di solidarietà e di giustizia che sono alla base di una società ordinata e prospera”. Nato a Napoli il 3 dicembre 1957, Franceschelli si è laureato in Giurisprudenza con lode all’Università Federico II di Napoli. Promosso viceprefetto nel 2001, è stato assegnato al Dipartimento per le libertà civili e per l’immigrazione come dirigente dell’Ufficio relazioni esterne e internazionali e per questo partecipa direttamente all’attività Ue. Durante la presidenza italiana del Consiglio europeo del 2003 ha presieduto il Gruppo migrazione e partecipato ai lavori del Gruppo asilo. Capo della delegazione italiana fino al 2011 nel Comitato Strategico Immigrazione, frontiere e asilo (Scifa) è stato dirigente dell’Ufficio di Gabinetto del Capo del Dipartimento per le Libertà civili e per l’Immigrazione. Nominato prefetto quello stesso anno e destinato a Siracusa è commissario straordinario per la ricostruzione della Cattedrale di Noto. Dal 10 dicembre 2012 è direttore centrale dei Servizi Tecnico Logistici e della gestione patrimoniale del Dipartimento di Ps. Nel 2017 è prefetto di Padova.