Renato Lamberti confermato presidente dell’Aiit: Ettore Nardi è il suo vice

441

Renato Lamberti, già direttore del dipartimento di Ingegneria dei trasporti dell’Università Federico II di Napoli e attualmente coordinatore della commissione Trasporti dell’Ordine degli ingegneri di Napoli è stato confermato presidente della sezione Campania-Molise dell’Aiit (Associazione italiana per l’ingegneria dei trasporti). A deciderlo la prima Assemblea del 2016 che ha eletto il nuovo direttivo per il triennio 2016-2019. Vicepresidente è stato eletto Ettore Nardi, consigliere dell’Ordine degli Ingegneri di Napoli e funzionario tecnico della Federico II, al quale va la delega alla formazione, essendo l’Associazione unico ente formatore nel settore strade e trasporti accreditato dalla Scuola Superiore di Formazione del Consiglio Nazionale degli Ingegneri.

Presenti il Presidente Nazionale dell’Associazione, Prof. Giovanni Mantovani e il Direttore del Centro Studi, prof. Gianluca Dell’Acqua. L’Aiit è la più importante associazione italiana di esperti del settore trasporti, nata nel 1957 a Padova, per promuovere l’attività scientifica e di ricerca, incentivare la formazione ed informazione e individuare strategie e piani di intervento per la mobilità in campo urbano ed extraurbano.

In occasione del 60 anno dalla nascita si terrà a Roma, dal 10 al 12 aprile 2017, il convegno internazionale dal titolo “AIIT International Congress on Transport Infrastructure and Systems”, al quale hanno già aderito professori universitari ed esperti del settore provenienti dall’America, Brasile, Cina, Giappone e da tutta Europa.

L’Aiit nazionale e la Sezione Campania-Molise si propongono per il prossimo triennio di dare vita ad attività di approfondimento e formazione che sia di qualità con una duplice finalità: da un lato consentire agli ingegneri trasportisti di ottemperare agli obblighi formativi, attraverso corsi, seminari, convegni altamente specialistici e in grado di accrescere realmente le competenze professionali nel settore dell’ingegneria delle infrastrutture e dei trasporti e dall’altro essere, anche nel campo dell’aggiornamento obbligatorio delle competenze, unico punto di riferimento per gli esperti del settore e per i tanti colleghi interessati ai problemi di mobilità, traffico, trasporti, sicurezza stradale.