Restate a Napoli, tre show al giorno: dal 9 agosto piazza del Plebiscito si trasforma in palcoscenico

213

Dal 9 al 16 agosto piazza Plebiscito a Napoli diventerà palcoscenico per eventi gratuiti che arricchiranno l’estate in città. Il progetto Restare a Napoli, voluto dall’assessore comunale alla Cultura e al Turismo, Eleonora de Majo, è stato realizzato di concerto con la Regione Campania e si inserisce nell’itinerario turistico e culturale da Napoli a Pompei a valere sulla misura Poc 2014-2020 – azione 1. La scelta di Piazza Plebiscito è motivata dalla necessità di conciliare il rispetto delle misure anti-contagio con la volontà di offrire alla città un grande teatro pubblico, gratuito nella piazza più grande e significativa della città. La rassegna rappresenta un’occasione di riapertura all’arte e allo spettacolo dal vivo dopo lunghi mesi di sofferenza dell’intero comparto. I posti a sedere per il pubblico si prenotano mediante un sistema online. Teatro, musica, comicità, danza con artisti di caratura nazionale e internazionale: una rassegna di 24 spettacoli, suddivisi in tre show al giorno per otto giorni: uno spettacolo pomeridiano, uno al tramonto e uno serale, con appuntamenti dalle ore 19 alle ore 24. In un’unica piazza saranno rappresentati diversi generi teatrali appartenenti alle più svariate categorie di spettacolo (commedia, musical, esibizioni di danza, monologhi, concerti). Le serate saranno condotte da Lello Arena e Fatima Trotta insieme a Maria Bolignano mentre gli eventi pomeridiani saranno presentati da Francesco Mastandrea che sarà ogni giorno affiancato da una presentatrice emergente.
“Con Restate a Napoli – ha detto l’assessore alla Cultura e al Turismo Eleonora de Majo – si completa la programmazione estiva della città che, se da una parte ha guardato alla moltiplicazione degli eventi su tutto il territorio cittadino, dall’altra ha voluto investire su un grande evento caratterizzato da un cartellone che tiene assieme grandi nomi del panorama nazionale ed internazionale e le eccellenze della nostra città. Grazie alla sinergia istituzionale, nonostante le stringenti misure anticovid che stanno mettendo a dura prova il comparto dello spettacolo, siamo riusciti a costruire un programma eccezionale che saprà attirare il turismo che pure esprime qualche segnale di ripresa. Il progetto è anche una scommessa vinta, quella di portare un teatro gratuito libero e pubblico nella piazza più rappresentativa della città, nell’anno di crisi più drammatica dei teatri. Ripartiamo dal teatro riportandolo in piazza, dandone massima visibilità nella migliore scenografia possibile con eventi gratuiti con obbligo di prenotazione”. “Il progetto di una rassegna estiva a Napoli parte da un’intenzione – spiegano i produttori Mario Esposito e Nando Mormone – offrire una nuova modalità di fruizione del teatro ai tempi del Coronavirus. In questo momento storico, il mondo dello spettacolo sta subendo un duro colpo: artisti e lavoratori sono disoccupati da mesi, il pubblico è lontano da troppo tempo dalle sale teatrali, dai musei, dagli eventi, dai concerti e ne sente la mancanza. Continua a desiderare l’arte, sogna la bellezza, matura dentro di sé la voglia di spettacolo, che è insita nel genere umano. Per questa ragione, in un momento in cui la possibilità di viaggiare nei mesi estivi è in forte discussione e le aggregazioni nei luoghi chiusi rappresentano ancora un rischio considerevole, si fa strada la possibilità di fruire dello spettacolo dal vivo a cielo aperto, nella nostra meravigliosa città di Napoli. Dalle nostre rilevazioni empiriche, è emerso chiaramente come esista una percezione della assoluta necessità di “gustare” il calore della performance dal vivo e, al contempo, come sia maturata la consapevolezza che la città diNapoli è il centro nevralgico da cui può partire l’offerta di spettacolo. Comici, artisti, ballerini, musicisti, artisti di strada, registi, tecnici, autori, l’offerta del comparto dello spettacolo del nostro territorio è inesauribile e necessita di essere impiegata”, hanno concluso.