Ricerca in Antartide, dal Miur 7,1 mln euro per le Università: progetti dal 31 maggio

49

Ammontano a 7,1 milioni di euro le risorse messe a disposizione della comunità scientifica nazionale dal Miur per condurre attività di ricerca di particolare livello qualitativo nel continente antartico. Sul sito del ministero è stato infatti pubblicato il bando che, con riferimento al Programma Nazionale di Ricerche in Antartide (Pnra), disciplina per l’anno 2018 le procedure per il finanziamento, da parte del Miur, di attività di ricerca rivolte ad approfondire le conoscenze in Antartide. Le proposte potranno essere presentate dal 31 maggio prossimo e fino al 3 luglio 2018 e saranno valutate dalla Commissione Scientifica Nazionale per l’Antartide che si avvarrà di esperti internazionali di particolare qualificazione scientifica. Una particolare valutazione premiale – si legge nel bando – sarà assicurata alle proposte coordinate da giovani ricercatori (età non superiore ai 40 anni compiuti alla data di scadenza per la presentazione della proposta, sia appartenenti, come docenti o ricercatori ai ruoli delle università, statali e non statali, legalmente riconosciute e istituite nel territorio dello Stato, o degli enti pubblici di ricerca, sia non appartenenti ai ruoli descritti ma in possesso del titolo di dottore di ricerca), “anche al fine di favorire il necessario ricambio generazionale all’interno del sistema nazionale della ricerca”. Il Pnra inoltre incoraggia la presentazione di proposte coordinate di ampio respiro e riconosce che la collaborazione internazionale “è intrinseca allo spirito della ricerca polare, permette lo sviluppo di progetti di ricerca di dimensioni e interessi sovranazionali, e consente risparmi e razionalizzazioni dell’uso dei mezzi di supporto infrastrutturale e logistico”.
Il bando si rivolge a Università e istituzioni universitarie italiane, statali e non statali, comprese le scuole superiori a ordinamento speciale; enti e istituzioni pubbliche nazionali di ricerca vigilati dallo Stato e altri organismi di ricerca in possesso dei requisiti previsti da Regolamento (CE) n. 800/2008. In coerenza con la programmazione strategica triennale 2017-2019 del Pnra le proposte di ricerca riguarderanno prioritariamente le seguenti tematiche scientifiche: La vita in Antartide; La geologia dell’Antartide; Il sistema glaciale antartico e il livello del mare; La definizione dell’impatto globale dell’atmosfera antartica e dell’Oceano Meridionale; L’Universo sopra l’Antartide e lo Space Weather; L’uomo in Antartide: adattamento e impatto. Sei le linee di intervento in cui si articola il bando appena pubblicato di cui vengono indicate le rispettive dotazioni finanziarie: A. Studio di dati e campioni esistenti (in banche dati e musei) acquisiti nel corso delle campagne di ricerca finanziate dal Pnra, eventualmente integrati con dati e campioni accessibili in ambito internazionale (1mln di euro); B. Studio e monitoraggio del Mare di Ross (2 mln di euro); C. Misure, modelli ed interventi specifici nell’ambito del programma Yopp-Year of Polar Prediction (500mila euro); D. Progetti di ricerca da svolgere su piattaforme fisse e mobili di altri paesi e/o nell’ambito di iniziative internazionali (1,3 mln di euro); E. Progetti di ricerca in Antartide presso la stazione Mario Zucchelli, in connessione con lo sviluppo delle campagne antartiche (1,3 mln di euro); F. Progetti di ricerca in Antartide presso la stazione Concordia, in connessione con lo sviluppo delle campagne antartiche (1 mln di euro).