Ricerca, antinfiammatori dalle alghe: l’Italia partecipa alla sperimentazione

27

Cercare nelle alghe dei principi attivi in grado di combattere l’infiammazione e’ l’obiettivo del progetto di ricerca europeo Algae4IBD (Algae for Inflammatory Bowel Desease), promosso nell’ambito del programma quadro Horizon 2020 con uno stanziamento di 7,5 milioni di euro in quattro anni. Coordinato dall’Istituto Migal di Israele, il progetto comprende 21 partner e l’Italia vi partecipa con l’azienda Solaris Biotech incaricata di progettare e realizzare i bioreattori necessari alla sperimentazione sulle alghe. L’obiettivo e’ mettere a punto alimenti funzionali e prodotti farmaceutici ricavati dai composti delle alghe, come trattamento per la malattia infiammatoria dell’intestino (Ibd, Inflammatory Bowel Desease), che comprende sia la colite ulcerosa sia il morbo di Crohn e contro la quale al momento non esiste un protocollo terapeutico standardizzato e universalmente efficace; le opzioni di trattamento sono costose e nelle fasi acute si basano principalmente sui cortisonici, che pero’ possono essere assunti solo per brevi periodi. Per cercare rimedi piu’ efficaci e accessibili, il progetto potra’ contare sulla collaborazione di esperti in crescita e produzione di alghe, gastroenterologi, sviluppatori di alimenti funzionali e aziende farmaceutiche. “Questo gruppo multispecialistico e multiculturale apportera’ le competenze necessarie per sviluppare prodotti che, si spera, possano prevenire e curare l’Ibd”, osserva la coordinatrice del progetto Dorit Avni, dell’Istituto Migal. La prevalenza della malattia e’ aumentata negli ultimi decenni, soprattutto nei Paesi sviluppati, e colpisce le fasce di eta’ piu’ giovani.