Ricerca, borse Oréal Italia-Unesco: premiate 6 under 35 con 120 milioni

65

Promuovere e incoraggiare la ricerca italiana in rosa. Con questo obiettivo L’Oréal Italia e Unesco hanno lanciato il premio ‘Per le Donne e la Scienza’. Anche in questa edizione, sono state assegnate sei borse di studio del valore di 20.000 euro ciascuna ad altrettante ricercatrici under 35, sulla base dell’eccellenza riconosciuta ai loro progetti nei campi delle scienze della vita e della materia. Il bando di questa edizione ha raccolto 320 candidature da tutta Italia. La giuria, composta da un panel di professori universitari ed esperti scientifici italiani e presieduta da Lucia Votano, dirigente di ricerca emerita dell’Istituto nazionale di fisica nucleare, dopo un’attenta valutazione ha selezionato le sei ricercatrici più meritevoli per i loro progetti nel campo delle Stem. Le 6 sei ricercatrici che hanno vinto il premio sono: Livia Archibugi (Tumore del pancreas: a caccia di meccanismi molecolari che predicano la risposta alla chemioterapia); Elisa Pellegrini (Moria dei canneti e cambiamento climatico: dov’è il collegamento?); Letizia De Chiara (Cellule poliploidi renali: un nuovo strumento per la prevenzione della malattia renale cronica); Ornella Juliana Piccinni (Via con l’onda: rilevamento di oggetti estremi come resti di eventi di onde gravitazionali nei dati degli interferometri Ligo-Virgo-Kagra); Natalia Bruno (Atomic Quantum Technologies for Reliable Engineering of Solid State devices Tecnologie quantistiche atomiche per la progettazione di dispositivi a stato solido); Lorena Baranda Pellejero (Sintesi di molecole funzionali mediata da biomarcatori clinicamente rilevanti attraverso l’uso di sistemi basati su Dna sintetico).