Ricerca, mini-cervelli umani in 3D fanno luce sulle malattie mentali

49

Cervelli umani 3D in miniatura coltivati in laboratorio hanno fatto luce su una delle principali cause di malattie mentali come schizofrenia, depressione e disordini bipolari: è la mutazione del gene DISC1, che provoca anomalie nello sviluppo del cervello. Lo ha dimostrato lo studio dell’Ospedale delle Donne di Brigham, a Boston, pubblicato sulla rivista Translational Psychiatry, in cui i ricercatori guidati da Priya Srikanth hanno sfruttato gli ultimi progressi nelle tecniche che permettono di crescere mini-organi e di manipolare il Dna. “A differenza dei metodi tradizionali che permettono di studiare solo colture cellulari in due dimensioni”, spiega Tracy Young-Pearse, che ha partecipato alla ricerca, “i mini-cervelli ci permettono di analizzare la struttura tridimensionale e il funzionamento delle cellule durante lo sviluppo, dandoci molte piu’ informazioni”. I ricercatori hanno coltivato cervelli in miniatura a partire da cellule staminali e hanno usato la tecnica “taglia-incolla” del Dna, Crispr, per introdurre in alcuni di questi la mutazione del gene DISC1 e vedere la differenza con i cervelli non mutati. I mini-cervelli mutati mostravano una struttura molto diversa: gli spazi pieni di liquido cerebrospinale chiamati ventricoli erano molto più piccoli e numerosi di quelli dei cervelli sani e di conseguenza le cellule nervose adiacenti si trovavano nella posizione sbagliata. Infatti sono state trovate anomalie anche in una via di segnalazione nervosa importante per lo sviluppo e la disposizione delle varie componenti del cervello, che secondo i ricercatori potrebbe essere un ottimo bersaglio per future terapie.