Ricerca, Napoli in campo con la Szn per il test globale sulla salute degli oceani

25

Si prepara il test globale sulla salute degli oceani: è previsto il 21 giugno, con campioni raccolti in quasi 200 siti dalle coste degli Stati Uniti all’Australia, compresa l’Italia, che partecipa all’esperimento con la Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli e l’università Politecnica delle Marche. Lo ha annunciato il presidente della Stazione Zoologica, Roberto Danovaro, in occasione del convegno “La ricerca e il mare”, organizzato nel capoluogo campano dall’ente di ricerca per celebrare la giornata mondiale degli Oceani, l’8 giugno. Chiamato Ocean Sampling Day (Osd), il test mondiale è nato su iniziativa del progetto Micro B3 guidato da Frank Oliver Gloeckner, della tedesca Jacobs University Bremen, e quest’anno la campagna è gestita dall’Istituto di biologia marina, biotecnologia e acquacoltura del Centro ellenico per la ricerca marina di Heraklion. “Grazie all’approccio contestuale in tutto il pianeta, il test fornirà una sorta di istantanea globale della salute degli oceani, fatta con metodi d’avanguardia”, dice all’Ansa Danovaro. Simultaneamente, in tutto il mondo, aggiunge, “saranno raccolti campioni d’acqua negli oceani e nei mari, dalle coste del Pacifico, all’Atlantico e anche nel Mediterraneo. In Italia, saranno raccolti campioni nel Tirreno e nell’Adriatico, precisamente nel Golfo di Napoli e al largo di Ancona”. L’obiettivo è cercare gli inquinanti, come sostanze chimiche e microplastiche, “e analizzare la biodiversità dei microrganismi marini, con metodo innovativi di sequenziamento genetico massivo di tutto il Dna presente nei campioni”. Lo scopo dei ricercatori è anche cercare e censire i batteri che causano malattie (patogeni), “che – osserva il presidente della Stazione Zoologica – sopravvivono piu’ a lungo con l’aumento delle temperature e sono uno dei problemi emergenti collegati ai cambiamenti climatici”.