Ricerca, a Napoli il meeting del Neapolitan Brain Group

24

Giovedì prossimo 13 dicembre dalle 9 nell’aula Magna del Centro di servizio di Ateneo per le Scienze e Tecnologie per la Vita – Cestev, in via Tommaso De Amicis 95, si terrà l’VIII Meeting del Neapolitan Brain Group. Il Neapolitan Brain Group – NBG è un gruppo di confronto tra ricercatori di base e clinici dell’area napoletana (e, più in generale, campana), interessati allo studio della fisiologia e delle patologie del sistema nervoso. Il gruppo nasce nel 2015 su idea del professor Ennio Del Giudice dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, Dipartimento di Scienze Mediche Traslazionali (Sezione di Pediatria). Il gruppo vuole essere un’occasione di incontro, in un’atmosfera informale, per tutti gli appassionati di ricerca clinica e di base nel settore delle Neuroscienze che intendano migliorare la reciproca conoscenza e, per quanto possibile, esplorare momenti di collaborazione proficua con la finalita’ ultima di unire in una sorta di rete culturale tutti i Centri dell’area campana in cui si fanno clinica e/o ricerca di base dedicate allo studio della fisiologia e della patologia del sistema nervoso. Recentemente l’NBG si e’ anche costituito come associazione senza scopo di lucro con l’obiettivo di migliorare la propria offerta culturale. Il gruppo di confronto e’ aperto a tutti coloro che siano interessati alle tematiche di base ed applicate delle neuroscienze e, in particolare, ai giovani in formazione delle diverse Universita’ ed Enti di Ricerca della Campania. La giornata del 13 dicembre prevede, oltre 16 comunicazioni orali e la discussione di 40 poster, le letture magistrali di Guido Trombetti (Unina) “Anche le cicale sanno contare”, di Andrea Ballabio (Unina/Tigem) “How the lysosome tells the nucleus what to do” e di Silvia Cappello (Max Planck Institute of Psychiatry, Munich, Germany) “Mechanisms regulating human neurogenesis”.