Ricerca, nell’olio extravergine d’oliva un antidiabetico naturale

51

Nell’olio extravergine d’oliva una molecola contro il diabete. Un gruppo di ricercatori dell’Università Sapienza di Roma ha individuato in uno dei capisaldi della dieta mediterranea il componente responsabile della riduzione dei livelli di glucosio post-prandiale nel sangue. Lo studio, pubblicato su ‘British Journal Clinical Pharmacology’, apre nuove strade alla lotta contro il diabete. Il team della Sapienza ha individuato nell’oleuropeina il componente specifico dell’olio di oliva capace di ridurre la glicemia post-prandiale. In un precedente studio il gruppo guidato da Francesco Violi del dipartimento di Medicina interna e specialità mediche della Sapienza, ha dimostrato che l’assunzione di 10 grammi di olio extravergine di oliva durante i pasti era in grado di ridurre di 20 milligrammi (mg) la glicemia post-prandiale. “Dalla ricerca – sottolineano i ricercatori – era emerso che l’extravergine di oliva si comporta come un antidiabetico, con un meccanismo simile ai farmaci di nuova generazione, cioè le incretine (ormoni naturali prodotti a livello gastrointestinale che riducono il livello della glicemia nel sangue). L’assunzione di olio extravergine di oliva si associa, infatti, a un aumento nel sangue delle incretine. Non era stata ancora individuata la componente dell’olio responsabile di questo benefico effetto”. “Il diabete – spiega Francesco Violi – è una delle principali cause di infarto del miocardio ed ictus. Nel 2016 i casi dichiarati di diabete in Italia hanno superato 3 milioni e questo numero crescerà nei prossimi anni considerando la progressiva tendenza all’aumento della malattia nella nostra popolazione”. La prevenzione del diabete e dei suoi danni alle arterie si svolge soprattutto durante i pasti, in quanto l’aumento della glicemia post-prandiale stimola la produzione di insulina, cosa che, a lungo andare, facilita l’insorgenza del diabete, nei soggetti predisposti.