Ricerca, con il progetto “Vivismart” la dieta Med entra a scuola e in famiglia

29

Bambini che in meno di 1 anno hanno imparato a mangiare più frutta e verdure, a bere più latte, ma anche a fare sport per quasi 4 volte alla settimana, rinunciando a qualche ora di Tv e video giochi. Famiglie più consapevoli sulle corrette abitudini alimentari, che hanno adottato uno stile di vita piu’ sano. Sono i risultati del progetto pilota Vivismart, sviluppata dalle Università Lumsa, Napoli Parthenope e Roma Tre e promosso dall’alleanza “aBCD” (Barilla, Coop Italia e Danone) per riavvicinare la popolazione italiana alle buone abitudini della dieta mediterranea. Un modello di comunicazione adottato tra settembre 2017 e maggio 2018 attraverso una serie di iniziative che hanno coinvolto 4 grandi citta’, 16 scuole, 80 insegnanti, 1.525 bambini e famiglie, 16 punti vendita e medici di medicina generale. La ricerca mette a fuoco i nuovi comportamenti di bambini e famiglie nei confronti di alimentazione e movimento. L’11% dei piccoli beve piu’ acqua e piu’ volte durante la giornata. Aumentano del 6% quelli che mangiano frutta e del 135 verdura. Cresce poi la consapevolezza sul consumo di cereali e latte e suoi derivati: il 75% dei bambini dichiara di bere latte durante la giornata e l’80% di mangiare latticini.