Ricerca, via al bando Montalcini: 24 contratti per cervelli all’estero

126


E’ in Gazzetta ufficiale il bando 2017 del programma Rita Levi Montalcini, rivolto a studiosi di ogni nazionalità che svolgono all’estero – da almeno un triennio – attività didattica o di ricerca post dottorale.

Contratti in palio
Il bando punta a selezionare 24 ricercatori che devono aver conseguito il titolo di dottore di ricerca, o equivalente, successivamente al 31 ottobre 2010 ed entro il 31 ottobre 2013; risultare, al momento di presentazione della domanda, stabilmente impegnati all’estero da almeno un triennio in attività didattica o di ricerca presso qualificate istituzioni universitarie o di ricerca.
I servizi prestati all’estero in ragione di borse di studio o di finanziamenti ottenuti in Italia non sono computabili ai fini della maturazione del triennio di attività di ricerca o di didattica svolto all’estero. Nel corso del triennio precedente alla presentazione della domanda, gli studiosi non devono aver ricoperto alcuna posizione (ricercatori a tempo determinato, assegnisti, contrattisti, dottorandi anche iscritti a corsi di dottorato in cotutela con università e centri di ricerca stranieri, titolari di borse di studio) presso enti/istituzioni universitarie e non, nel territorio dello Stato italiano.

Come partecipare
Per partecipare al bando è necessario inviare le domande, con riferimento alle università che hanno dichiarato la disponibilità a partecipare, esclusivamente per via telematica, utilizzando l’apposito sito web Miur-Cineca (http://cervelli.cineca.it), entro trenta giorni dalla data di pubblicazione del decreto sulla Gazzetta Ufficiale. La domanda deve contenere, tra l’altro, il curriculum vitae dell’interessato; l’elenco delle pubblicazioni scientifiche e allegata una pubblicazione realizzata nell’ultimo triennio; l’autocertificazione di stabile permanenza all’estero, con impegno in attività didattiche o di ricerca, da almeno un triennio al momento di presentazione della domanda; il programma di ricerca, che deve specificare il contesto in cui la ricerca si inserisce, la metodologia prevista, i risultati che si intendono conseguire e l’articolazione in fasi, i costi della ricerca; il nominativo, l’Istituzione di appartenenza e l’indirizzo di posta elettronica di due esperti stranieri ai quali verranno richieste due lettere di presentazione confidenziali; l’indicazione, in ordine di preferenza, di cinque università statali, compresi gli istituti ad ordinamento speciale, presso le quali il candidato intende svolgere l’attività di ricerca.

Stipula del contratto
I 24 ricercatori selezionati stipuleranno con l’ateneo il contratto a tempo determinato, prendendo servizio entro gli otto mesi successivi all’assunzione della delibera del Consiglio di amministrazione.
Il Miur, successivamente alla stipula del contratto, provvederà al trasferimento all’università dell’importo accordato per l’esecuzione dell’attività di ricerca e per la corresponsione del trattamento economico onnicomprensivo, pari al 120 per cento del trattamento iniziale spettante al ricercatore.

Scadenza
Per partecipare al bando è possibile fare domanda entro il 15 marzo 2017.
________________________________________
SCARICA IL BANDO
http://attiministeriali.miur.it/anno-2016/dicembre/dm-19122016.aspx

TABELLA
Che cosa c’è
 in palio
24 contratti a tempo determinato presso Atenei italiani
Chi può partecipare
Ricercatori di ogni nazionalità
Requisiti
Aver conseguito il titolo di dottore di ricerca tra il 31 ottobre 2010 e il 31 ottobre 2013
Risultare stabilmente impegnati all’estero da almeno un triennio in attività didattica o di ricerca
Trattamento economico dei ricercatori selezionati
Pari al 120 per cento del trattamento iniziale spettante al ricercatore
Scadenza
15 marzo 2017