Ricercatori della Federico II vincono la challenge di LivDet2021: i più bravi a scoprire impronte false

78
in foto l'Università di Napoli Federico II

Primo posto nella challenge “Liveness Detection in Action” di LivDet2021 per il team formato dagli ingegneri Domenico Mattiello, Michela Gravina e Antonio Galli, coordinati dell’ingegnere Stefano Marrone e diretti dal professore Carlo Sansone, membri del gruppo Picus del Dipartimento di Ingegneria Elettrica e delle Tecnologie dell’Informazione – Dieti dell’Università Federico II.
LivDet è una competizione biennale internazionale, aperta ad aziende e Università, focalizzata sull’individuazione di impronte digitali contraffatte. Quella di quest’anno è stata l’edizione con più team partecipanti (23), provenienti da Italia, Germania, Repubblica Ceca, Usa, Corea del Sud e Cina.
La challenge vinta dal team federiciano riguardava la realizzazione di un algoritmo per l’individuazione di impronte digitali contraffatte (ad esempio ottenute tramite calchi e/o impronte latenti di un soggetto bersaglio) all’interno di un sistema di autenticazione basato su biometrie.
La soluzione proposta è basata su tecniche di intelligenza artificiale, in particolare su una combinazione di tecniche di Deep Learning con l’uso delle cosiddette “perturbazioni antagoniste (o ostili)” (dall’inglese Adversarial Perturbations). Il risultato è un algoritmo che si è dimostrato in grado di individuare impronte contraffatte al variare del sensore (scanner) e dei materiali utilizzati per realizzare i falsi, superando di oltre 5 punti percentuali la soluzione che si è classificata al secondo posto, proposta da un team cinese.
La soluzione è stata presentata alla comunità scientifica il 7 agosto nel corso dell’International Joint Conference on Biometrics (IJCB), la più importante conferenza internazionale nell’ambito dei sistemi biometrici, sponsorizzata congiuntamente dallo IAPR (International Association for Pattern Recognition) e dall’IEEE Biometrics Council.