Riciclo pneumatici, Italia al top
Campania regione virtuosa

74

Lo scorso anno in Italia il 100% dei pneumatici fuori uso, quasi 20mila tonnellate, sono stati destinati al riciclo, il che fa del nostro Lo scorso anno in Italia il 100% dei pneumatici fuori uso, quasi 20mila tonnellate, sono stati destinati al riciclo, il che fa del nostro paese un caso di eccellenza in Europa. E’ quanto emerge dal primo Report sulle attività del Comitato di Gestione degli Pneumatici Fuori Uso (Pfu), diffuso ieri, che contiene i traguardi raggiunti in appena due anni di attività del sistema. Per l’esattezza, le tonnellate di pneumatici fuori uso raccolte in Italia nel 2014 sono state 19.453 (+15,9% rispetto all’anno precedente), il 100% degli pneumatici che, successivamente alla demolizione, sono stati destinati al riciclo. Le operazioni di ritiro di Pfu, effettuate nei 1.365 autodemolitori dai 29 operatori abilitati, sono state 3.231 (+19%). Campania seconda dopo la Lombardia Analizzando i dati territorialmente, i livelli più elevati di raccolta si raggiungono nelle regioni più popolose e in quelle dove maggiore è la presenza di demolitori: Lombardia (2.575 tonnellate raccolte con un incremento del 15,4%), Campania (2.376 tonnellate, con quasi il 9% in più rispetto al 2013) e Lazio (2.341 con un aumento di ben il 56,5%, la variazione più alta in Italia). Nel 2014 il peso medio di ogni ritiro – si legge ancora nel rapporto – diminuisce leggermente e si attesta intorno alle 6 tonnellate. Si è registrato, inoltre, un decremento minimo (-5%) anche del costo medio per ritiro. “Il bilancio di questi due anni di attività rappresenta – ha affermato il ministro dell’Ambiente, Gian Luca Gallettiuna scommessa vinta dall’Ambiente e dai cittadini italiani. Il corretto recupero riduce di fatto a zero la possibilità di smaltimenti illegali che negli anni passati hanno disseminato il nostro paese di discariche abusive di pneumatici“.