“Riconosciamo i sindacati”, svolta di Ryanair

22

Roma, 15 dic. – (AdnKronos) – Ryanair riconosce i sindacati dei piloti con l’obiettivo di evitare caos nei voli e disagi ai clienti nel periodo natalizio. In una nota la compagnia annuncia di avere scritto ai sindacati di categoria in Irlanda, Uk, Germania, Italia, Spagna e Portogallo “invitando ciascuno di loro a colloqui per riconoscere questi sindacati come rappresentativi dei piloti in Ryanair in ciascuno di questi Paesi, purché essi stabiliscano dei Comitati di piloti Ryanair per discutere dei problemi di Ryanair”. Questo perché Ryanair “non si confronterà con piloti che volano per compagnie concorrenti in Irlanda o in qualunque altro luogo”, spiega il comunicato.

Ryanair “cambierà la sua politica di lunga data di non riconoscimento dei sindacati per evitare ogni minaccia di interruzione del servizio ai suoi passeggeri e ai suoi voli da parte dei sindacati dei piloti durante la settimana di Natale”.

La compagnia chiede perciò a questi sindacati di interrompere lo sciopero proclamato per mercoledì 20 dicembre “in modo che i nostri clienti possano aspettarsi di tornare a casa per Natale senza la minaccia o la preoccupazione di scioperi dei piloti”.

“I voli di Natale sono molto importanti per i nostri clienti – spiega il ceo di Ryanair Michael O’Leary – e vogliamo rimuovere ogni preoccupazione che possano essere scombussolati dall’agitazione dei piloti la prossima settimana”. La compagnia ha deciso di trattare con i sindacati “perché mettiamo le esigenze dei passeggeri al primo posto”.

Se per realizzare questo obiettivo la compagnia deve riconoscere i sindacati dei piloti “siamo pronti a farlo” dice O’Leary. “Il riconoscimento dei sindacati è un cambiamento significativo per Ryanair, ma – prosegue – abbiamo realizzato cambiamenti radicali anche prima, mentre di recente abbiamo lanciato i Ryanair Labs e il nostro programma per il miglioramento dei servizi ai clienti Always Getting Better che ha avuto grande successo nel 2013”.

Il confronto con i sindacati, ricorda il ceo, avverrà attraverso “strutture nazionali riconosciute e noi speriamo e ci attendiamo che su queste strutture ci sia l’accordo con i piloti all’inizio del nuovo anno”.