Riconoscimento Unesco per la lavorazione del corallo di Torre del Greco, via all’iter di candidatura

1045
in foto Agostino Riitano

Domani 21 maggio 2020, in occasione della diciottesima edizione della “Giornata mondiale della Diversità Culturale per il dialogo e lo sviluppo”, il Comitato Promotore per L’arte dell’incisione a cammeo patrimonio culturale immateriale Unesco organizza il webinar “La cultura è diversità”. Il webinar sarà l’occasione per presentare l’iter di candidatura dell’“L’arte dell’incisione a cammeo” a patrimonio dell’Umanità e approfondirà, in particolare, l’art. 5 della Dichiarazione Universale dell’Unesco sulla diversità culturale, che afferma la possibilità di esprimersi, creare e diffondere opere in lingua madre e il diritto ad una formazione che rispetti la propria identità culturale, nel rispetto dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali.
Il webinar previsto per le ore 18, è aperto a tutti e prevede la partecipazione di Agostino Riitano, direttore del Comitato promotore dell’iniziativa; Antonio Parente, direttore dell’Ufficio Unesco presso il Mibact; Elena Sinibaldi, focal point nazionale dell’Ufficio Unesco presso il Mibact; Alessandra Feola, coordinatrice nazionale dell’Associazione Italiana Giovani per l’Unesco; Elena Coccia, Cconsigliera della Città Metropolitana di Napoli con delega ai siti Unesco e cura del patrimonio culturale; Luisa Liguoro, consigliera del Comune di Torre del Greco con delega alla candidatura Unesco.
Torre del Greco è riconosciuta in tutto il mondo come capitale della lavorazione del cammeo e del corallo, come spiega Agostino Riitano, Direttore del Comitato Promotore: “L’Arte dell’Incisione a Cammeo è un presidio culturale di diversità e rappresenta un prezioso patrimonio di conoscenza e competenze di valore universale. Nel 2016 un’ampia comunità di artigiani, istituzioni pubbliche e imprese di Torre del Greco ha intrapreso l’iter di candidatura dell’”Arte dell’Incisione a Cammeo” nella lista rappresentativa del Patrimonio Culturale Immateriale dell’UNESCO. La trasversalità e l’unicità dell’Arte dell’Incisione a Cammeo è riconosciuta ed apprezzata in tutto il mondo, nei più diversi ambiti della creatività, dal design alla moda, dall’artigianato all’arte contemporanea. Oggi più che mai è decisivo il rilancio culturale delle nostre comunità, perché soltanto la cultura potrà contribuire a ricucire ciò che si è sfrangiato nella crisi sanitaria. La cultura e la creatività sono l’essenza dell’identità internazionale del nostro Paese. Mahatma Gandhi, con queste parole “Non voglio che la mia casa abbia muri chiusi sui lati e finestre bloccate. Desidero che le culture di tutti i Paesi soffino nella mia casa il più liberamente possibile” ci ha suggerito che la cultura non è un’eredità scolpita nella pietra, ma un’eredità che vive e respira, aperta alle influenze e al dialogo, che ci consente di adattarci più pacificamente ai cambiamenti nel mondo».
La Giornata Mondiale della diversità culturale per il dialogo e lo sviluppo è stata istituita dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite e commemora l’adozione, nel 2001, della Dichiarazione universale dell’Unesco sulla diversità culturale, intesa come patrimonio comune dell’umanità, da riconoscere e affermare a beneficio delle future generazioni. A questa si affianca, dal 2005, la Convenzione sulla protezione e sulla promozione della diversità culturale nella quale, vengono individuati obiettivi e princìpi ai quali attenersi in materia di governance sostenibile, mobilità dei relativi beni, servizi e operatori,
integrazione della dimensione culturale nel quadro dello sviluppo sostenibile e promozione dei diritti e delle libertà fondamentali.

La partecipazione al webinar è libera. Tutte le persone interessate potranno collegarsi all’indirizzo https://zoom.us/j/95363081237