Ricostruzione incidenti stradali
A Napoli formati 40 specialisti

173

Analista ricostruttore di incidenti stradali. Al nastro d’arrivo il corso di formazione organizzato dal Collegio dei Periti Industriali e Periti Industriali Laureati della Provincia di Napoli. Analista ricostruttore di incidenti stradali. Al nastro d’arrivo il corso di formazione organizzato dal Collegio dei Periti Industriali e Periti Industriali Laureati della Provincia di Napoli. Una full immersion cominciata a dicembre 2013 ed ora conclusasi dopo oltre 260 ore di studio condotte sotto lo sguardo attento di Francesco De Simone, Perito Industriale Meccanico, Ricostruttore Sinistri, Presidente della Commissione Infortunistica del Collegio partenopeo guidato da Maurizio Sansone. Con De Simone, a tenere gli incontri, diversi docenti esperti nelle differenti articolazioni, giuridiche, meccaniche, fisiche e quant’altro, di una materia particolarmente complessa. Tra i nomi noti, i docenti Angelo Marino Marra, Roberto Bellucci, Lucio De Simone, Fulvio Manzi e Raffaele D’Anna (tutor). Circa 40 i partecipanti al corso tra periti già specializzati nell’area Meccanica ed anche alcuni uditori e cultori della materia tra cui avvocati e architetti. Un percorso di studio che, tenendo in debito conto le nuove norme sulla formazione continua e delle esigenze professionali emergenti, apre le porte, grazie alla relativa qualifica di perfezionamento, ad un più agevole accesso all’esercizio dell’attività di Perito forense della ricostruzione sinistri, derivanti dalla circolazione stradali, presso i Tribunali. “E’ stato un corso particolarmente laborioso, anche se molto interessante e gratificante – spiega Franco De Simoneche ha aperto una finestra sui mille aspetti di un’attività che richiede una particolare attenzione sulle diverse sue due fasi, da quella del rilevamento delle tracce, passando dalla loro analisi per arrivare alla ricostruzione dell’evento dannoso. Fasi che si sviluppano tanto sulla scena reale del sinistro quanto su modelli di simulazione. Una materia insomma che in qualche modo tira in ballo il diritto, la matematica, la meccanica, la fisica e la medicina e persino la psicologia del traffico, per citarne alcune. Una materia insomma che appassiona”.