Riduzione del rischio sisimico in Campania: via ai contributi per 9 milioni di euro

70

La Regione Campania ha reso nota la graduatoria definitiva per la concessione di contributi per interventi di riduzione del rischio sismico su edifici di proprietà privata. Si tratta in tutto di 9 milioni di euro che l’Amministrazione ha stanziato per consentire ai cittadini campani l’adeguamento delle abitazioni alle normative in vigore. Ad annunciarlo è il consigliere regionale e vicepresidente della Commissione Agricoltura della Campania, Erasmo Mortaruolo. “Ancora una volta – prosegue il consigliere Mortaruolo – la Regione Campania ha dato prova di puntare sulle buone pratiche della prevenzione e dell’adeguamento degli edifici alle importanti normative antisimiche nazionali ed europee. Adeguamento che riguarda non soltanto la parte pubblica come le scuole e i municipi ma anche quella privata. Su questo versante è evidente come la sinergia istituzionale tra Governo centrale e Regione è stata capace di investire su una stagione nuova contraddistinta da un approccio serio sulle questioni, concreto nell’operatività e lungimirante sul piano della prevenzione e della sicurezza. Indirizzi che avranno anche un riflesso importante sull’economia del territorio regionale”. Mortaruolo ricorda infatti che “oltre il 40 per cento del territorio italiano è a rischio sismico elevato e il 60 per cento degli edifici è stato costruito prima del 1974, quanto sono entrate in vigore le prime norme antisismiche. Almeno un terzo degli immobili andrebbe adeguato ed è per questo che come Regione Campania abbiamo ritenuto prioritario e importante un cambio di mentalità. I fondi destinati alla prevenzione del rischio, e i tragici eventi sismici di questi anni lo hanno vigorosamente evidenziato, sono preziosi investimenti per il nostro futuro”.