Rifiuti, continua la polemica sui termovalorizzatori in Campania: il no di De Luca a Salvini

45
in foto Vincenzo de Luca

“La mia domanda a Matteo Salvini è questa: se sei convinto che in Campania servono 5 termovalorizzatori, uno per provincia, allora nomina domani mattina 5 commissari e avvia il processo di realizzazione. Altrimenti è solo propaganda”. Ribadisce la sua posizione il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca che oggi durante un’intervista a Radio 24, ha lanciato l’ennesimo messaggio al ministro dell’Interno Matteo Salvini che oggi sarà a Caserta per firmare un protocollo contro i roghi nella Terra dei fuochi. Una polemica che ha investito l’esponente della Lega dopo aver dichiarato, da Napoli qualche giorno fa, che in Campania si rischia una nuova emergenza rifiuti. Ad attendere le cariche istituzionali si sono dati appuntamento in piazza movimenti e organizzazioni, tutti per ribadire il ‘No’ ai termovalorizzatori. “La Campania non può ridursi ad essere il teatro dei questa commedia politica. Non servono nuovi inceneritori e discariche – dicono Stefano Ciafani e Maria Teresa Imparato rispettivamente Presidente nazionale di Legambiente e Presidente di Legambiente Campania – per questo oggi “In nome del popolo inquinato” manifesteremo sotto la prefettura di Caserta”. In campo da sempre contro i termovalorizzatori il movimento ‘Stop Biocidio’: “Siamo stanchi delle passerelle e delle promesse – hanno sottolineato gli esponenti di associazioni e semplici cittadini – ora è il tempo delle risposte”.