Rifiuti, corte Ue condanna la Campania
De Siano (Fi): Paghiamo errori del passato

13

Abbiamo sperato fino all’ultimo che la Corte di Giustizia Europea non ci sanzionasse e che tenesse conto del cambio di passo. Purtroppo, dobbiamo constatare, Abbiamo sperato fino all’ultimo che la Corte di Giustizia Europea non ci sanzionasse e che tenesse conto del cambio di passo. Purtroppo, dobbiamo constatare, oggi paghiamo lo scotto di chi nel periodo 2000-2006 non solo non ha saputo pianificare una sola virgola del ciclo dei rifiuti in Campania ma, come ha sottolineato la Corte stessa, ha messo in grave pericolo la salute dei cittadini. Insomma sappiamo chi ringraziare”. Lo afferma il Coordinatore regionale campano di Forza Italia, senatore Domenico De Siano, per il quale “sarebbe ora interessante sentire la voce dei soloni della sinistra”. “Per fortuna il cambio di passo c’è stato e, bisogna ricordarlo, sono già oltre due anni che il presidente Caldoro ha sbloccato i pagamenti Ue sulla programmazione successiva, quella cioè di competenza del governo di centrodestra che ha evidentemente convinto l’Unione Europea”. “Nei fatti la nostra pianificazione del ciclo rifiuti e bonifiche sono credibili, di converso e per assurdo, le spese sostenute dal governo Bassolino a valere sul POR 2000 2006 potrebbero addirittura non esserci riconosciute”.