Rifiuti, ecco il piano della Regione

35

Incremento della raccolta differenziata fino al 65%, realizzazione di nuovi impianti di trattamento aerobico della frazione organica e individuazione delle aree da adibire a siti di smaltimento delle frazione umida tritovagliata: queste in estrema sintesi le linee strategiche individuate dalla giunta regionale con l’approvazione degli Indirizzi per l’aggiornamento del Piano Regionale per la Gestione dei Rifiuti Urbani in Campania. Nell’allegato alla delibera pubblicata questa mattina sul Burc si legge che l’evidenza dei dati a disposizione “consente di stimare la capacità di smaltimento esistente in Regione sufficiente alla gestione dei residui prodotti almeno nei prossimi 2 anni ed a consentire dunque, un’adeguata distribuzione temporale della necessità attuale di ulteriori impianti di discarica, di cui occorre prevedere la realizzazione entro il 2017“. Le linee programmatiche prevedono l'”incremento della raccolta differenziata fino al 65%” che avverrà “mediante il ricorso privilegiato a raccolta domiciliari, la promozione di centri di raccolta, l’implementazione di sistemi di incentivazione per gli utenti del servizio, la predisposizione di linee-guida per uniformare le raccolte sul territorio, la formazione e l’informazione degli utenti“. Si prevede inoltre il “finanziamento e realizzazione di impianti di trattamento aerobico della frazione organica a servizio di consorzi di Comuni” e l'”identificazione di aree da riqualificare morfologicamente al fine di realizzare siti di smaltimento delle frazione umida tritovagliata a seguito di un processo di adeguata stabilizzazione. Per evitare qualunque ipotesi di pericolo per l’ambiente le opere saranno dotate di ogni presidio ambientale previsto per le discariche ai sensi del D.Lgs. 36/2003“.

SCARICA GLI INDIRIZZI PER L’AGGIORNAMENTO DEL PIANO RIFIUTI