Rifiuti, interrogazione parlamentare sulla discarica sannita di Sassinoro

83
in foto Antonio Federico Movimento 5 Stelle

Una interrogazione al ministero dell’Ambiente sull’impianto di compostaggio e trattamento della frazione organica dei rifiuti urbani a Sassinoro (Benevento). L’hanno presentata oggi i parlamentari del M5s Antonio Federico (Molise) e Pasquale Maglione (Campania) insieme ad altri portavoce campani. “Tutta la valle del Tammaro, anche la parte molisana – osserva Federico – e’ chiamata in causa rispetto a questo scelta. La vicinanza dell’area archeologica di Altilia, in Molise, e dell’istituendo Parco del Matese gia’ da sole sono sufficienti a far scattare dei campanelli d’allarme. La questione non e’ pero’ prettamente ambientale perche’ – prosegue – questo genere di impianti e’ tecnologicamente maturo, genera economia circolare, chiude il ciclo dei rifiuti urbani nella loro parte organica e soprattutto scongiura il ricorso a discariche e percolamenti vari. Ci sono delle mancanze di tipo procedurali rispetto alle valutazioni di incidenza ambientale gia’ contestate alla Regione Campania e, soprattutto, c’e’ una evidente sovrapposizione con un impianto pubblico gia’ presente a Casalduni (Benevento), a pochi chilometri di distanza, che rende gia’ autosufficiente l’ambito territoriale di riferimento. Le normative europee e nazionali tendono a scongiurare il trasporto a distanza dei rifiuti, a maggior ragione se al di fuori dei confini regionali. Questo per evitare incremento di CO2 prodotta e per abbattere la possibilita’ di speculazione sui rifiuti da parte di privati. Ed allora – conclude il parlamentare molisano – abbiamo interessato direttamente il Ministero affinche’ possa intervenire”.