Rigenerazione urbana
Professionisti in gara

41

Si chiama “Iqu”, acronimo di “Innovazione e Qualità Urbana” ed è un concorso di idee dedicato all’architettura, alla città e al territorio finalizzato al confronto di strategie di innovazione progettuale, Si chiama “Iqu”, acronimo di “Innovazione e Qualità Urbana” ed è un concorso di idee dedicato all’architettura, alla città e al territorio finalizzato al confronto di strategie di innovazione progettuale, tecnologica e gestionale. A promuoverlo per il decimo anno consecutivo è il Gruppo Maggioli con la partecipazione di Enti Locali. Due aree tematiche Il premio si struttura in due aree tematiche: Architettura e città e Rigenerazione e recupero urbano. La prima area interessa il settore della trasformazione urbana e dello spazio costruito, in cui i valori dei luoghi, dei contesti, i caratteri di identità, di testimonianza e di affezione determinano l’esteso patrimonio di centri minori e di città che costituiscono il paesaggio. In questo ambito viene dato risalto ai progetti di riqualificazione urbana che sono stati capaci di comprendere e valorizzare le esigenze del contesto ambientale in rapporto con le richieste funzionali, impiantistiche e gestionali. Recupero urbano Il secondo è il settore dove vengono messe in luce le strategie di rigenerazione di parti di città e sistemi urbani finalizzate al recupero, alla rigenerazione e al riuso. Un processo per migliorare le condizioni economiche, ambientali, sociali e culturali degli spazi antropizzati incrementando la qualità della vita e la trasformazione del patrimonio edilizio esistente. Gli ambiti d’intervento spaziano dai contesti urbani periferici alle grandi aree industriali dismesse per arrivare sino agli spazi all’interno del tessuto storico. Un rilevante patrimonio immobiliare da recuperare e valorizzare al fine di ridurre il consumo di territorio in contrapposizione alla cultura dell’espansione degli spazi costruiti. Valutazione dei progetti Per ciascuna delle due aree sono individuate due sezioni: opere realizzate e progetti. Per la sezione “opere realizzate” la data di inizio dei lavori non dovrà essere antecedente a cinque anni dalla data di pubblicazione del bando. Per la sezione “nuovi utilizzi e progettazioni” il progetto non dovrà essere antecedente a tre anni dalla data di pubblicazione del bando. Premi Saranno assegnati un primo, un secondo e un terzo premio per ciascuna delle due aree tematiche e per ciascuna delle due sezioni individuate. La giuria potrà, inoltre, assegnare premi speciali negli ambiti: progettazione partecipata, progettazione per tutti, sostenibilità ambientale e problematiche bioecologiche e bioedilizie, mobilità, tecnologie, green industries. I progetti premiati o segnalati potranno essere pubblicati su riviste e siti web specializzati. Le domande vanno inviate al comitato organizzatore entro il 23 marzo.


Aree tematiche Architettura e città Rigenerazione e recupero urbano Sezioni Opere realizzate Progetti Chi può partecipare Architetti Urbanisti Scadenza 23 marzo 2015
bando_iqu_2015.pdf