Rimborsopoli M5S, buco di oltre mezzo milione di euro

13

Roma, 12 feb. (AdnKronos) – Si allarga il caso rimborsopoli del M5S, dopo il servizio delle Iene che ha denunciato alcuni bonifici, mai effettuati, del deputato Andrea Cecconi e del senatore Claudio Martelli, ormai a un passo dall’espulsione del Movimento. Mentre vanno avanti a pancia bassa le verifiche dei vertici dei 5 Stelle, si allunga l’ombra di un buco ben più cospicuo: secondo l’Adnkronos, infatti, mancherebbero all’appello oltre 500mila euro.

Se infatti i parlamentari 5 Stelle rivendicano di aver versato al fondo per le Pmi 23.418.354 euro e il documento del ministero dello Sviluppo economico certifica una somma di 23.192.331 – con un ammanco, calcolatrice alla mano, di 226mila euro – c’è da tenere in considerazione che alcune regioni hanno versato i soldi ‘sforbiciati’ a stipendi e rimborsi dei consiglieri in quello stesso conto, contribuendo al ‘tesoretto’ del Fondo per le Pmi.

Nello specifico, stando alle carte, i 5 Stelle dell’Emilia Romagna avrebbero versato al conto corrente numero 00000219222 ben 329.297 euro, la Liguria 145.704 euro, il Veneto 41.360 euro. Considerando gli importi versati dalle tre Regioni, si arriva a un totale di 516.361, che dunque non sarebbero stati elargiti da deputati e senatori. Dal M5S confermano all’Adnkronos che l’ammanco sarebbe in realtà più alto di quello riportato su alcune testate nei giorni scorsi e spiegano che è in corso l’accesso agli atti del Mef.

M5S – Il M5S in queste ore sta effettuando l’accesso agli atti del Mef per verificare lo stato dei versamenti al Fondo per le Pmi, dopo il caso rimborsopoli. “Abbiamo verificato – confermano all’Adnkronos dai vertici M5S – che sul fondo arrivavano bonifici non solo di deputati e senatori, ma anche di parlamentari uscenti e dei gruppi M5S di alcune Regioni. Pubblicheremo in chiaro tutti i dati e chi non ha versato verrà espulso”.