Riqualificazione degli edifici storici, Sarno propone il piano di incentivi

58

Una proposta di legge per rottamare, riqualificare, rinascere. Questi i temi al centro della tavola rotonda promossa da Silvio Sarno e dalla Fondazione Fiorentino Sullo che potrebbero soddisfare una necessità del Bel Paese legata alla condizione di oltre 7 milioni di edifici realizzati prima del varo della normativa antisismica. Per tali edifici le condizioni di manutenzione e conservazione sono pressochè scadenti e per oltre il 20% di essi occorre evidenziare che si tratta di edifici storici realizzati prima del 1945. Sono 30 milioni i cittadini che abitano in questa tipologia di edifici.

Per questo il Ceo di Calcestruzzi Irpini Spa Silvio Sarno, ex presidente di Confindustria Avellino, nella bella cornice della sede di Unioncamere, ha illustrato i contenuti del piano che, tradotto in uno strumento normativo, consentirebbe di trasformarsi in una concreta opportunità di sviluppo per l’intero sistema Paese. L’obiettivo, pienamente condiviso dal professor Aldo Loris Rossi e dal prof. Giuseppe Franco Ferrari dell’Università Bocconi di Milano, è stato analizzato dagli altri relatori presenti al convegno: Achille Colombo Clerici di Assoedilizia, Sergio Crippa, presidente di Federbeton, Andrea Prete, presidente di UnionCamere Campania e da Gianni Lettieri, presidente di Meridie Investimenti e past president di Confindustria Avellino e Unione degli Industriali di Napoli.

E’ nella relazione di Silvio Sarno, che ha definito i contorni del confronto con i relatori, che va ricercata la portata rivoluzionaria del progetto che prevede azioni di manutenzione e conservazione per tutti gli edifici localizzati nelle zona a rischio sismico e idrogeologico. Edifici in gran parte energivori, che assorbono circa il 35% dell’energia consumata in Italia con uno spreco prossimo ai 20 miliardi di Euro. Occorre, precisa Silvio Sarno, un piano realmente attuabile, che offra strumenti di incentivazione e che consenta, al pari di una burocrazia semplificata, un contributo importante al rilancio economico del Paese.