Ristoranti e negozi dei centri storici: in arrivo nuovi contributi a fondo perduto

549
in foto il centro storico di Napoli

Il decreto Agosto prevede nuovi contributi a fondo perduto per la filiera della ristorazione e per le attività commerciali dei centri storici. Per i ristoratori che abbiano registrato un ammontare del fatturato e dei corrispettivi dei mesi da marzo a giugno 2020 inferiore ai 3/4 rispetto a quello dei mesi da marzo a giugno 2019, viene previsto un contributo per l’acquisto di prodotti alimentari. Ai soggetti esercenti attività di impresa di vendita di beni o servizi al pubblico nei centri storici con elevata presenza turistica, il contributo spetta, invece, a condizione che l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi riferito al mese di giugno 2020 sia inferiore ai 2/3 dell’ammontare del fatturato e dei corrispettivi realizzati nel corrispondente mese del 2019.
’articolo 58 del decreto Agosto (D.L. n. 104/2020) ha istituito un fondo nello stato di previsione del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali con una dotazione pari a 600 milioni di euro per l’anno 2020, al fine di erogare un contributo a fondo perdutoalle imprese in attività alla data di entrata in vigore del presente decreto con codice Ateciiprevalente 56.10.11, 56.29.10 e 56.29.20, per l’acquisto di prodotti, inclusi quelli vitivinicoli, di filiere agricole e alimentari, anche DOP e IGP, valorizzando la materia prima di territorio.