Ritorna il grande glamour alla Mostra del Cinema di Venezia

93

Un ritorno in grande stile ai fasti glamour del passato per l’edizione numero 80 della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, organizzata dalla Biennale di Venezia, edizione 2023.
Ovviamente, una considerazione che esula dal valore artistico delle pellicole cinematografiche presentate in concorso ma che si rivolge alle quotidiane sfilate di personaggi (più o meno) famosi che, in questi ultimi giorni, hanno calcato la passerella del tappeto rosso al Lido.
Decine e decine di attori, attrici, registi, comparse, modelle, soubrette, influencer ecc… hanno, infatti, sfilato sul red carpet dinanzi lo storico Palazzo del Cinema in look eleganti e raffinati.
Addio trash, dunque! Finalmente!
E, non a caso, proprio l’edizione 2023 della Mostra è stata contrassegnata da un tanto auspicato ritorno al glamour più puro rispetto alle numerose dèfaillance estetiche del passato, condite da volgarità varie ed outfit provocatori (per una sommaria idea: basta visionare gli annali fotografici della Festival) che erano più consoni ad una sfilata di Carnevale che ad uno degli eventi più glam del mondo.
Piccola parentesi: addirittura, quest’anno, anche le giovani starlette (spesso desiderose di farsi notare più per un fisico da top che le proprie doti professionali) hanno messo da parte “look estremi” (atti a catturare i flash dei fotografi per scalare una rapida “notorietà”), preferendo mise più “morigerate” e sobrie.
Evviva! La “sacralità” della mostra lagunare è stata salvata!
Il tutto con buona pace delle vere celebrità del passato -più o meno recente- come: Sophia Loren. Gina Lollobrigida, Liz Taylor, Claudia Cardinale, Jane Fonda, Maria Callas, Romy Schneider ecc… che al Festival del Cinema di Venezia erano le vere ed indiscusse regine di eleganza e raffinatezza.
Memorabili le loro fotografie alla Mostra -spesso in bianco e nero- che, ancora oggi, affascinano e lasciano “traspirare” quell’allure di charme, finezza, signorilità, classe e buongusto (sia nel vestirsi che nel truccarsi) di cui tanto se ne sente la mancanza.
Memorie di altri tempi sì, ma pur sempre attuali!
Del resto, il Festival del Cinema di Venezia era ed è ritenuto uno tra gli appuntamenti artistici e mondani più prestigiosi, importanti ed anche fashion del Pianeta e non si può che onorarlo nella maniera più giusta e celebrativa possibile.
A ben donde, le più blasonate maison di moda e di gioielli internazionali si organizzano già da diversi mesi prima della partenza del Festival di Venezia per “vestire” le protagoniste (ed i protagonisti) della rassegna con abiti ed accessori (compreso make-up firmati!) “degni” del celebre photocall.
Scatti che, poi, immancabilmente, faranno il giro del mondo su copertine di giornali e con pagine e pagine di fotografie e bacheche Instagram dedicate (con tanto di voti e commenti per “giudicare” gli outfit più belli).
Come si suol dire: è la moda bellezza!
Intanto, una cosa è certa: la madrina di casa della Mostra del Cinema di Venezia 2023, l’ex-Bond girl Caterina Murino, è stata impeccabile nel suo ruolo di primadonna del concorso, sfoggiando abiti e preziosi da mille e una notte ma tutti nel segno dell’eleganza e della discrezione. Nessun eccesso, come dicevamo prima, anche per le altre protagoniste dei tanti red carpet e sbarchi in laguna, con vestiti e total-look très-charmant. Si sono visti molti abiti a sirena, smoking da donna, spacchi vertiginosi ma non eccessivi, ricami preziosi, trasparenze morigerate, paillettes e piume (mai imbarazzanti per quantità) e tanti look casual-chic.
Punte di eccellenza le tante dive “vestite” dalle più note maison del made-in-Italy (su tutti: Armani, Valentino e Dolce&Gabbana) e le straordinarie quanto faraoniche parure di gioielli sfoggiate alle prime. Pezzi unici da far girare la testa… ma, ovviamente, anche questo fa parte del gioco.
Tra i look più apprezzati: l’abito rosso couture indossato da Benedetta Porcaroli (in Prada); Valerie Lemercier in un’impalpabile Stéphane Rolland; Sofia Coppola in nero velato (firmato Chanel con gioielli Cartier); Georgina Rodriguez in un maxi-dress griffato Vetements; la semplicità di Nina Pons (in Fendi).
Anche gli uomini non sono stati da meno: nessuna “bizzarria” accalappia-flash; anzi, tanta ricercatezza nei dettagli, abiti sartoriali, tessuti pregiati e scarpe tailor-made.
Da Adam Driver a Patrick Dempsey, da George Clooney a Pierfrancesco Favino, da Tomi Servillo a Vincent Elbaz fino a Woody Allen ecc… un’eleganza sobria, gentile e “pulita” ha reso omaggio alla moda-uomo più attuale.
Ovviamente, ci sono state anche degli outfit “impresentabili” ma, fortunatamente, si tratta solo poche eccezioni (sulle quali è meglio “sorvolare”).
Per il resto: bentornata eleganza!
Il mito del Festival del Cinema di Venezia come tempio dello stile e della moda più glamour internazionale continua, nonostante gli 80 anni appena compiuti!