Ritrovato morto 26enne scomparso ad Arezzo

8

Arezzo, 29 giu. – (AdnKronos) – Trovato il cadavere di un 26enne a Policiano a pochi chilometri da Arezzo. Il giovane di Rigutino era scomparso da più di un mese fa. Le cause del decesso sono da accertare, non è escluso il suicidio. Il corpo era in avanzato stato di decomposizione.

Dal giorno della sua scomparsa dalla casa in cui viveva con la famiglia a Rigutino nell’aretino, il 26 maggio scorso, lo hanno cercato ininterrottamente le forze dell’ordine, i parenti e gli amici, anche con appelli sui social. L’operaio è stato ritrovato morto nella zona di Policiano, frazione a sud di Arezzo, non lontana da dove abitava.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri e il pubblico ministero Andrea Claudiani. Da quanto si apprende, gli inquirenti tenderebbero a escludere l’ipotesi di un delitto.

Il giovane si era allontanato da casa sabato 26 maggio, intorno alle 14.30 per incontrare un amico che lo aveva fatto salire sulla sua auto e aveva riferito agli inquirenti di averlo riaccompagnato poco dopo a Rigutino.

Da quel momento se ne sono perse le tracce: il cellulare ha suonato a vuoto per un po’ per poi smettere di essere attivo. La sera della scomparsa il suo smartphone, secondo quanto accertato dagli inquirenti, aveva agganciato una cella al casello autostradale di Battifolle e proprio in quella zona si sono concentrate per giorni le ricerche dei carabinieri con l’aiuto dei vigili del fuoco e della protezione civile.